call-center-nuova-truffa-tariffa-garantita-poi-operatorie-aumenta-di-prezzo

Un nuovo vile raggiro sta mietendo molte vittime che si trovano a dover pagare cifre non pattuite dopo poco tempo. Call Center sempre più spietati trovano ogni escamotage ai limiti della legalità per chiudere più contratti possibili. Attenzione alla nuova truffa di Call Center che promettono di attivare una tariffa garantita, con clausola “per sempre“, ma poi l’operatore telefonico ne aumenta il prezzo. Ecco i dettagli e cosa è possibile fare per risolvere il problema o, meglio ancora, evitarlo.

 

Call Center: ecco la nuova truffa che lascia tutti spiazzati

Non è da molto che si sta perpetrando una nuova truffa che sta lasciando tutti spiazzati. A denunciarla un lettore del noto quotidiano nazionale la Repubblica che scrive: “Il call center Tim che mi ha attivato l’offerta mobile mi ha promesso che non avrei subito modifiche, mai. “Condizioni garantite a vita”, hanno detto. Ma da maggio Tim ha aumentato la mia tariffa di 8 euro al mese, dandomi in cambio 20 GB, che però non mi servono. È corretto venire meno così alla promessa?“.

Un quesito interessante che mostra come i Call Center cerchino di chiudere sempre più contratti a scapito dell’onestà. Ovviamente, se il contratto è stato processato e sottoscritto attraverso una registrazione audio della telefonata, l’utente potrebbe impugnarlo. Tuttavia resta il dubbio che sia una mera invenzione dell’operatore pur di convincere il povero malcapitato ad attivare l’offerta. Infatti, nella maggior parte delle volte, non si tratta dell’operatore telefonico, ma di dipendenti di un’azienda call center che ha stabilito accordi commerciali con quest’ultimo.

Quindi il problema resta se non è stata data indicazione scritta e contrattuale da parte dell’operatore che ha applicato la rimodulazione successiva. Agcom ci sta lavorando, ma è ancora presto per poter agire. Il problema è ancora allo stadio embrionale. Resta comunque chiaro che la fiducia ai Call Center si sta sempre più assottigliando.

Gli utenti infatti non vedono più quelle telefonate come l’opportunità di poter risparmiare grazie a condizioni esclusive. Al contrario, i Call Center oggi sembrano essere truffatori legalizzati che operano costantemente ai limiti e sempre più impuniti.

 

Come non cadere nella trappola

Il nostro consiglio è perciò quello di prestare attenzione ed evitare in qualsiasi modo di sottoscrivere contratti con Call Center che non inviano una modulistica delle condizioni a mezzo email prima dell’approvazione.

Meglio quindi non lasciarsi prendere dalla fretta, un’offerta a tempo che scade in poche ore e che non prevede un contratto scritto si rivela sempre una truffa. Tra l’altro anche la clausola “per sempre” dovrebbe creare qualche dubbio. Sono infatti molti gli operatori telefonici che stanno applicando rimodulazioni. Non da ultimo WindTre con l’aumento di alcune tariffe.

FONTEla Repubblica