blankTutti sappiamo che è ormai giunta la fine di un’era per il famoso browser di Microsoft, Internet Explorer. Anche se è stato rimosso quasi un anno fa, l’azienda ha recentemente annunciato che il supporto terminerà completamente entro il 15 giugno del 2022. A distanza di 25 anni dal lancio, le redini passeranno a Microsoft Edge.

Il vecchio browser sarà sempre presente ma in una forma diversa. Con Edge, Microsoft proporrà un’esperienza di navigazione più snella e più sicura. Se pensiamo al browser più utilizzato è risaputo che sia Google Chrome. Quindi per browser così recenti come Edge è ancor più difficile superare un browser così popolare. La lotta non è ancora finita e il campo di battaglia si evolve continuamente. Internet stesso è nato con i computer desktop e adesso è più utilizzato da mobile. Tuttavia, il fallimento di Windows Phone implica che Microsoft riscontra delle difficoltà anche con i dispositivi mobile.

Il progetto Internet Explorer è stato avviato nell’estate del 1994. Nel 2001 Microsoft era già inarrestabile. L’estensione del suo dominio – intrinsecamente legata all’importanza di Windows XP – era così grande che deteneva il 90% del mercato e gli sviluppatori iniziarono a codificare interi siti Web attorno a ciò che Internet Explorer poteva o non poteva fare. Nonostante il successo iniziale, l’azienda ha trascurato spesso le esigenze di utenti e siti web stessi, diventando il prodotto più criticato fino al suo declino.

Internet Explorer: la fine di un’era. Microsoft Edge sarà all’altezza?

Microsoft non ha seguito le linee guida stabilite dal World Wide Web Consortium – l’organizzazione che stabilisce gli standard per le tecnologie sul web. Quindi Internet Explorer spesso rendeva le pagine web diverse sul proprio browser rispetto ad altri come Opera e Firefox. Nel 2004, Mozilla ha rilasciato il primo browser Firefox e nel 2008 si è unito Google Chrome. Queste aziende desideravano muoversi più velocemente di Internet Explorer, obiettivo facile da raggiungere.

Nel decennio successivo al lancio di Chrome, il gigante della ricerca ha rilasciato almeno 70 aggiornamenti. Microsoft, nel frattempo, ha aggiornato Internet Explorer solo quattro volte tra la sua ottava iterazione e l’ultima, l’undicesima. Project Spartan è il nome in codice di Edge e riflette il tentativo di Microsoft di lanciare un software più efficiente. Un anno dopo il lancio, la società ha iniziato ad eliminare gradualmente il supporto per le generazioni precedenti di Internet Explorer: 8, 9 e 10.

Due anni dopo il lancio di Edge, tuttavia, Microsoft soffriva dello stesso problema dei suoi concorrenti. Edge utilizzava un motore di rendering diverso da Chrome e Safari e ha avuto una scarsa diffusione tra gli utenti; per questo motivo, gli sviluppatori non hanno ottimizzato i siti Web e gli utenti hanno riscontrato problemi tecnici. Vi ricordiamo che il 65% del mondo utilizza Google Chrome, seguito da Safari di Apple (che detiene una quota di mercato del 16%), Firefox, Opera e infine Edge con meno del 2% del mercato.