blank

Arriva una nuova e sicuramente importante notizia per i clienti e per i futuri clienti di PosteMobile, uno degli operatori virtuali attivi nel mercato italiano attuale.

La novità riguarda il blocco dei servizi a sovrapprezzo, ormai attuato da tantissimi altri operatori italiani. Stiamo parlando di servizi che riguardano l’addebito di cifre variabili che prescindono dalla tariffa relativa all’offerta attivata, e possono riguardare diversi contenuti. Scopriamo insieme i dettagli.

 

PosteMobile bloccherà in automatico i servizi a sovrapprezzo

Spesso i servizi a sovrapprezzo vengono attivati senza la completa volontà dell’utente e possono consistere in addebiti importanti. Pertanto l’AGCOM ha deliberato il blocco automatico di tali servizi da parte degli operatori italiani, e PosteMobile si sta adeguando a tale delibera. L’operatore ha appena riferito che attiverà il blocco automatico dei servizi a sovrapprezzo (servizi VAS) per tutti i suoi clienti a partire da domani 21 aprile.

Ci saranno delle eccezioni, in particolare per i servizi non classificati di tipo barring dall’AGCOM: tra questi troviamo SMS bancari e infobanking, SMS per il televoto, acquisto one shot di contenuti digitali e servizi informativi o di intrattenimento SMS/MMS, servizi a tecnologia vocale, donazioni via SMS o telefono a favore di enti solidali o di partiti politici.

Chiaramente i clienti PosteMobile potranno comunque accedere, a loro rischio e pericolo, ai servizi VAS classificati di tipo barring. Basterà richiederlo esplicitamente all’operatore. Vi ricordiamo che l’operatore sta proponendo tantissime offerte molto vantaggiose al momento, per non rischiare di perderne una vi invitiamo a visitare il sito ufficiale di PosteMobile.