Spesso sui social network è facile imbattersi in bulli o in contenuti inappropriati e le grandi aziende cercano da sempre di evitare tutto ciò. Facebook per esempio ha eliminato milioni di contenuti per questo motivo.

Solamente qualche giorno fa l’azienda ha rilasciato un report in cui parla proprio questo. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Facebook ha eliminato milioni di contenuti

L’ultimo Transparency Report di Facebook si concentra sui mesi che vanno da ottobre a dicembre 2020, periodo durante il quale si sono svolte anche le elezioni americane, per cui era facile aspettarsi una grande “attività” di utenti che diffondono messaggi d’odio, insulti e, in generale, contenuti che non dovrebbero trovarsi sul social network.

L’azienda si dice molto soddisfatta di come è stato gestito il tutto, grazie ad algoritmi avanzati che riescono ad identificare ciò che è rappresentato in immagini, video e persino audio con estrema precisione e dipendenti che controllano manualmente i post e commenti. Passando ai numeri, durante questo periodo si è raggiunto un picco tra contenuti e profili rimossi dalla piattaforma di 6,3 milioni: quasi il doppio rispetto al quarto precedente.

Per quanto riguarda invece lingue diverse dall’inglese, sono stati eliminati oltre 29 milioni di contenuti in totale. Facebook si sta quindi concentrando molto sull’aspetto della sicurezza degli utenti e, oltre ai numeri incoraggianti, l’azienda ha anche annunciato di aver leggermente modificato il funzionamento della Bacheca, che ora mostra meno contenuti inadatti rispetto al quarto precedente.