profeziaNell’ultimo anno, soprattutto a causa del coronavirus, sono tornate particolarmente di moda le profezie. Sta attirando particolarmente l’attenzione una della scrittrice e medium Sylvie Browne, la quale è davvero inquietante. Già di per sé lei è stato un personaggio alquanto controverso, al centro i numerose polemiche per via delle sue esperienze medianiche che ha sin da quando era bambina. Negli Stati Uniti è celebre, tanto che i suoi libri sono dei bestseller mondiali tradotti in tutte le lingue. Scopriamo di seguito cosa ha detto la Browne nella sua profezia.

 

La profezia di Sylvia Browne ha davvero dell’incredibile

Prima che morisse, la medium, precisamente nell’anno 2012, ha scritto Lindsay Harrison il libro “Profezie“, con il sottotitolo “Che cosa ci riserva il futuro“. La suddetta, proprio in vista del futuro, sembra che abbia previsto un’epidemia imminente, la quale sembra ricordare proprio quella da Covid-19.

La cosa davvero agghiacciante è che l’autrice parla di mascherine chirurgiche, guanti di gomma e una patologia che attacca i canali bronchiali. Ci troviamo, dunque, dinnanzi a qualcosa di molto attuale. Inoltre, Sylvia Browne ci tenne ad aggiungere nel libro che “dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, quasi in maniera più sconcertante della malattia stessa, improvvisamente svanirà con la stessa velocità con cui è arrivata, tornerà all’attacco nuovamente dopo dieci anni, e poi scomparirà completamente

Come detto anche prima, in questo periodo molto difficile e di profonda emergenza, queste parole si stanno diffondendo molto. Tuttavia, l’autrice aveva anche previsto un’epidemia che sarebbe dovuta succedere nel 2010, ma che non si è mai verificata.