Rockstar Games, GTA V, GTA Online, Red Dead Redemption 2, RDR2, Red Dead Online

Guardando ad una software house come Rockstar Games, vengono in mente principalmente due saghe. La prima è quella di Grand Theft Auto con i suoi vari capitolo mentre la seconda è Red Dead Redemption. Si tratta di due delle principali serie realizzate, nonché le produzioni più grandi ed elaborate con mondi di gioco estremamente vasti.

Il dettaglio che accomuna tutti i titoli realizzati da Rockstar Games è la volontà di creare storie che possano essere vissute in singleplayer. Tuttavia, dal lancio di GTA Online e Red Dead Online, questa precisa scelta è in parte venuta meno. I titoli da cui derivano le controparti multiplayer sono stati abbandonati senza ricevere espansioni e contenuti aggiuntivi.

Il mondo online è diventato il centro di tutto con espansioni regolari e la possibilità di connettere gli utenti per farli giocare insieme. Questa situazione però è destinata a cambiare secondo Tarek Hamad, direttore di Rockstar North.

Rockstar Games ritiene essenziale una campagna in single player

La software house ha intenzione di tornare a dare importanza ai contenuti in single player. Il dirigente non è entrato nello specifico, ma ha lasciato intendere che si avranno nuovi titoli pensati appositamente oltre che un cambiamento nei titoli già in commercio.

Ne è un esempio GTA Online che sta attraversando un periodo di ristrutturazione del gameplay. Il nuovo DLC infatti ha introdotto alcune meccaniche di gioco inedite che permettono di provare il Colpo a Cayo Perico tutti da soli.

Il dirigente ha confermato che si tratta solo dell’inizio. Nei piani dell’azienda è previsto l’arrivero di nuovi contenuti orientati ai giocatori in solitaria anche su GTA Online. Al momento non sono chiare le tempistiche ne tanto meno che tipo di contenuti sono previsti. Non resta che attendere maggiori dettagli.