canone raiIl canone Rai sta per essere rinnovato, a partire dal prossimo mese, milioni di utenti inizieranno a ritrovarsi nelle bollette dell’energia elettrica le rate fisse di 9 euro, per un totale di 10 versamenti90 euro annui. Nella maggior parte dei casi sarà da pagare, ma è importante sapere che esistono categorie di utenti che hanno diritto a richiederne l’esenzione.

Nell’eventualità in cui rientraste tra le suddette, ricordate che la procedura non verrà avviata in automatico, dovrete sempre presentare domanda direttamente all’Agenzia delle Entrate, scaricando l’apposita modulistica e compilandola in maniera adeguata. In caso contrario, il sistema non registrerà il diritto all’esenzione, e continuerà ad addebitarvi il tutto.

 

Canone Rai: i casi in cui l’esenzione è un diritto

I primi utenti che possono richiederla sono coloro che dichiarano di non possedere un televisore, in questo caso è necessario prestare attenzione a non dichiarare il falso, poiché si commetterebbe un reato penale e come tale si rischierebbe una pena detentiva.

Se siete fortunati (perchè potete permettervela) possessori di una seconda casa, sulla quale viene addebitato il canone Rai, sappiate che sulla stessa potrete richiedere l’esenzione. La legge prevede il pagamento della tassa solo una volta a famiglia, quindi non dovrete pagarla due volte.

Per ultimi non ci resta che parlare degli over 75, in questo caso sono imposte limitazioni decisamente stringenti. I consumatori non solo dovranno aver compiuto il 75esimo anno di età, ma dovranno avere un reddito famigliare di almeno 8000 euro, nonché non essere presente nello Stato di Famiglia nessun’altra persone con un reddito proprio.