blank

Vodafone lo scorso 30 settembre 2020, ha ufficialmente dichiarato che nei prossimi sei mesi procederà con la dismissione della rete 3G; nel frattempo però, ha intenzione di potenziare le telecomunicazioni in 4G.

Vodafone riciclando le frequenze adoperate per il 3G attuale aumenterà la coperta LTE.

Ridurre i consumi energetici per il prossimo anno è l’obiettivo aziendale. In un comunicato stampa ufficiale, l’operatore ha così dichiarato:

“Con l’obiettivo di continuare a migliorare la qualità, l’efficienza e la sostenibilità della GigaNetwork, Vodafone intende potenziare la rete 4G attraverso una progressiva riduzione delle risorse di rete su tecnologia 3G a partire dal mese di novembre 2020, fino a completarne la dismissione entro il 31 gennaio 2021”.

Aggiunge:
“Vodafone realizza continui investimenti nell’evoluzione della GigaNetwork, la nuova generazione di rete che integra tutte le più avanzate tecnologie per rispondere all’accresciuta domanda di qualità e quantità di dati, utilizzando lo spettro disponibile nel modo più efficiente possibile, allocandolo sulle tecnologie di nuova generazione”.

La continuità di servizio per tutti i dispositivi e servizi in 2G e 4G, sarà garantita senza nessun impatto rispetto alla situazione attuale. Potranno continuare ad effettuare chiamate e inviare SMS i dispositivi connessi attraverso tecnologia 3G e quindi non abilitati al 4G, ma potrebbero riscontrare dei rallentamenti della navigazione Internet.

A tutti i clienti che intendono sostituire i propri telefoni non ancora abilitati al 4G o che non permettono di navigare su Internet durante le chiamate, Vodafone mette a disposizione delle offerte speciali. Inoltre, i clienti in possesso di una SIM con una capacità inferiore a 128k, presso i negozi Vodafone o attraverso il proprio agente commerciale di riferimento, potranno richiedere la sostituzione gratuita della SIM.

I clienti che risultano in possesso di un telefono non ancora abilitato al 4G (o che non consente di navigare alla velocità del 4G durante le chiamate) o una SIM con capacità inferiore a 128k, dal 30 settembre 2020 riceveranno una comunicazione personale con maggiori informazioni.