Coronavirus: quali sono le mascherine più sicure da indossare?I morti per Covid-19 continuano a crescere, ed ora iniziano a fare paura, sono infatti 630 nelle ultime 24 ore, numeri altissimi, anche se in linea purtroppo con quanto osservato nelle scorse giornate. I contagi, al contrario essendo lunedì, sono quasi dimezzati rispetto al solito, raggiungono 22’930 con 148’945 tamponi processati.

Dai dati diffusi dal Ministero si evince un andamento ben definito, il tanto agognato plateau sembra essere effettivamente raggiunto, il rapporto contagi/tamponi non cresce più a ritmi esponenziali come nelle scorse settimane ma pare essersi assestato. I guariti sono ben 31’395 (ieri erano 13’574), con finalmente una differenza in positivo tra nuovi casi e persone risultate con tampone positivo, dopo essere state contagiate. Al momento sul territorio sono 796’849 i contagiati, con 3810 in terapia intensiva 34’697 ricoverati in ospedale, i restanti sono invece in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia sono 1’431’795 le persone colpite dal Coronavirus, con 584’439 guariti e 50’453 decessi.

 

Contagi oggi 23/11/2020: cosa succede nelle regioni

blank

La regione con il maggior numero di contagi è la Lombardia con una crescita di 5’289 casi giornalieri, seguita poi dal Veneto con 2540 contagi e l’Emilia Romagna con 2347 contagiati nelle ultime 24 ore.

La Campania scende addirittura al quinto posto della graduatoria, con una crescita odierna di 2158, prima troviamo invece il Lazio con +2331. Le altre realtà coinvolte duramente sono il Piemonte +1730, la Toscana +1323 e Sicilia +1249.

Sotto le 1000 unità invece troviamo la Puglia +980, l’Abruzzo +640, la Liguria +285, le Marche +161, Friuli Venezia Giulia +377, Umbria +105, provincia autonoma di Bolzano +260, Sardegna +505, provincia autonoma di Trento +93, Calabria +321, valle d’Aosta +77, Molise +91 Basilicata +60.

Continuate a resistere, i numeri sembrano essere favorevoli, non conviene mollare proprio ora.