Xiaomi, nato nel 2010 e attivo oggi in tutto il mondo con oltre 90 mercati e creatore della più grande piattaforma IoT consumer esistente, continua la scalata verso la vetta e conquista il secondo gradino del podio della classifica in Italia dei top vendor per smartphone spediti nel terzo trimestre del 2020.

Solo una settimana fa il terzo posto (con tanto di sorpasso su Apple) nella classifica Canalys sui top vendor mondiali di smartphone, sempre da Canalys, oggi la conferma anche su scala nazionale.

Xiaomi, registrando una crescita su base annua del +122%, ha guadagnato una quota di mercato pari al 19%. La sua inarrestabile ascesa è confermata dal rapporto Canalys anche a livello europeo, dove Xiaomi mantiene il terzo gradino del podio della classifica dei top vendor per smartphone spediti nel terzo trimestre del 2020, con il 19% di market share e una crescita su base annua del +91%.

Soprattutto in Europa occidentale, Xiaomi sale di una posizione, classificandosi al terzo posto, con una quota di mercato del 13% e una crescita su base annua del +107%. Si conferma, invece, il primo brand di smartphone per il terzo trimestre consecutivo in Spagna, con un incremento annuo del 93%.

“Siamo estremamente orgogliosi di questo risultato, perché dimostra che la strada seguita finora è quella giusta – afferma Leonardo Liu, General Manager di Xiaomi Italia -. La nostra strategia ora si focalizzerà sul consolidamento e il mantenimento di questa posizione, ma con lo sguardo sempre rivolto al gradino più alto del podio. Continueremo quindi a lavorare instancabilmente per portare prodotti sempre più innovativi al maggior numero di persone, forti della convinzione che chiunque meriti una vita migliore grazie alla tecnologia più cool. Ci aspettano mesi senza dubbio stimolanti!”.