Gli scienziati australiani hanno sviluppato un nuovo tipo di sensore per misurare e correggere la distorsione della luce stellare causata dalla visione attraverso l’atmosfera terrestre, che dovrebbe rendere più facile lo studio della possibilità di vita su pianeti lontani.

Nuovi metodi per affacciarci nell’universo e scoprire più facilmente i pianeti difficili da catturare

Utilizzando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, gli scienziati ottici dell’Università di Sydney hanno sviluppato un sensore in grado di neutralizzare lo “scintillio” di una stella causato dalle variazioni di calore nell’atmosfera terrestre. Ciò renderà più facile la scoperta e lo studio dei pianeti in sistemi solari lontani da telescopi ottici sulla Terra.

“Il modo principale in cui identifichiamo i pianeti in orbita attorno a stelle lontane è misurando i cali regolari di luce stellare causati dai pianeti che bloccano frammenti del loro sole”, ha detto l’autore principale, il dottor Barnaby Norris, che ricopre una posizione congiunta come ricercatore presso l’Università di Sydney Astrophotonic Instrumentation Laboratory e nell’Università di Sydney, nodo dell’Australian Astronomical Optics nella School of Physics.

“È davvero difficile da terra, quindi dovevamo sviluppare un nuovo modo di guardare le stelle. Volevamo anche trovare un modo per osservare direttamente questi pianeti dalla Terra “, ha detto.
L’invenzione del team verrà ora implementata in uno dei più grandi telescopi ottici del mondo, il telescopio Subaru da 8,2 metri alle Hawaii, gestito dall’Osservatorio Astronomico Nazionale del Giappone.

“È molto difficile separare lo ‘scintillio’ di una stella dai cali di luce causati dai pianeti quando si osserva dalla Terra”, ha detto il dott. Norris. “La maggior parte delle osservazioni di esopianeti proviene da telescopi orbitanti, come Kepler della NASA. Con la nostra invenzione, speriamo di lanciare una rinascita nell’osservazione degli esopianeti da terra “.
L’utilizzo del nuovo “sensore fotonico del fronte d’onda” aiuterà gli astronomi a visualizzare direttamente gli esopianeti attorno a stelle lontane dalla Terra.

Negli ultimi due decenni sono stati rilevati migliaia di pianeti oltre il nostro sistema solare, ma solo una piccola manciata è stata ripresa direttamente dalla Terra. Ciò limita fortemente l’esplorazione scientifica di questi esopianeti.

Creare un’immagine del pianeta fornisce molte più informazioni rispetto ai metodi di rilevamento indiretto, come misurare i cali di luce delle stelle. I pianeti simili alla Terra potrebbero apparire un miliardo di volte più deboli della loro stella ospite. E osservare il pianeta separato dalla sua stella è come guardare una moneta da 10 centesimi detenuta a Sydney, vista da Melbourne.