Quando è diventata carbon neutral nel 2007, Google ha consolidato il suo impegno verso un futuro sostenibile. Inoltre, dal 2017 abbina il suo consumo energetico a quello delle energie rinnovabili al 100%, di cui è il più grande acquirente nel mondo aziendale.

Il CEO Sundar Pichai è più impegnato nella causa che mai: ha annunciato che l’azienda prevede di essere completamente priva di carbonio entro il 2030. Attraverso l’acquisto di compensazioni di carbonio di alta qualità, Google si è assicurata che il suo consumo di carbonio sia ora pari a zero, compreso tutto il suo utilizzo di energia prima del traguardo raggiunto nel 2007.

Google si conferma potenza mondiale non solo per i profitti, continuano i progetti a favore di un pianeta sostenibile

Ancora una volta, Google è la prima grande azienda a farlo, ma non si ferma qui. Entro il 2030, la società di Mountain View prevede di gestire l’intera attività a livello globale con energia completamente priva di emissioni di carbonio. Questa è una promessa monumentale, quella che Pichai definisce “il più grande lancio della sostenibilità mai realizzato dalla società, con un’enorme complessità pratica e tecnica”.

Google inizierà con i data center e i campus e avrà bisogno naturalmente di enormi investimenti in soluzioni di energia verde. Questi sforzi creeranno anche circa 12.000 posti di lavoro entro il 2025, secondo Pichai. 5 GW di nuova energia priva di emissioni di carbonio saranno abilitati nelle principali regioni di produzione di Google. Inoltre, l’azienda sta aiutando 3.000 città in tutto il mondo a monitorare e ridurre le proprie emissioni di carbonio, 500 delle quali dovrebbero essere in grado di eliminare 1 gigatone di emissioni all’anno entro il 2030. Attraverso varie iniziative, Google spera anche di incoraggiare i suoi partner a fare progressi simili in termini di sostenibilità. (Possibile approfondire sul sito dedicato.)