drone-persone

Sinora si era trattato di velivoli a scopo dimostrativo. Ora Volocopter è pronta a fare ingresso realmente nella mobilità urbana aerea. Ieri la società tedesca ha svelato il design di VoloCity, il primo aereo commerciale progettato secondo le specifiche dell’Easa, l’agenzia europea per la sicurezza aerea. Il velivolo è frutto dell’esperienza di oltre mille voli di prova delle precedenti generazioni di Volocopoter. Il design è particolarmente aerodinamico.

VoloCity, com’è fatto questo taxi volante

Ieri il pioniere dell’urban air mobility ha presentato VoloCity, il velivolo per il decollo e l’atterraggio elettrico di quarta generazione (eVTOL). VoloCity è stato progettato per soddisfare gli standard di sicurezza specificati dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (categoria SC-VTOL migliorata) e incorpora feedback degli utenti e dati di test di tutte le precedenti generazioni di Volocopter. Con un’autonomia calcolata di 35 chilometri e una velocità di 110 chilometri orari, VoloCity è progettato per funzionare come un taxi aereo all’interno della città.

Le caratteristiche includono:

1) Carico utile per ospitare due persone incluso il bagaglio a mano
2) Maggiore efficienza di volo grazie alle travi del rotore di forma aerodinamica, uno stabilizzatore di nuova introduzione per creare maggiore stabilità in volo e sollevamento aggiuntivo
3) Il design iconico con linee fluide è in continuità con il linguaggio architettonico del futuro VoloPort, combinando al contempo risultati tecnologici senza precedenti e comfort per l’utente.

Gli apprendimenti di oltre mille voli di prova sulle precedenti generazioni di Volocopter e ricerche di mercato con diverse centinaia di potenziali clienti hanno caraterrizato la base progettuale per il design e le specifiche tecniche di VoloCity. Il risultato è un velivolo con miglioramenti che rimane fedele alle note caratteristiche tecniche e di sicurezza di Volocopter: 18 rotori, ridondanza in tutti i sistemi critici, bassa rumorosità.