patrimonialeL’arrivo di una patrimoniale crea sconcerto ai contribuenti italiani oppressi da un regime fiscale sempre più pressante. La notizia di un’imposta di reddito basata sulla liquidità di denaro è stata rilasciata durante la prima fase conclusiva del lockdown. Da allora ha continuato a girare online prima di essere smentita una volta per tutte dalle dichiarazioni ufficiali.

Si è trattato di un ottimo esempio di fake news rilasciata a margine di un Coronavirus sul quale si sono fatte affermazioni assurde. Ma c’è poco da scherzare sul piano economico visto il delicato momento di deficit economico cui siamo andati in contro. A parlare è Laura Castelli, voce del Ministero dell’Economia che su Facebook ha chiarito la posizione del Fisco nei confronti degli italiani. Ecco cosa è stato detto.

 

Patrimoniale: dopo le bufale torna il sereno

In queste ore, gira con insistenza, nelle varie chat, l’ennesima bufala. Voglio dirlo con forza, non c’è nessuna “Virus Tax”. Abbiamo chiuso un decreto con le risorse deliberate dal Parlamento, che ha autorizzato uno scostamento dei saldi di bilancio di 25 miliardi. Chiunque voglia speculare con false notizie su eventuali tasse, si metta la mano sulla coscienza. Non c’è nulla di più falso.

In un momento particolarmente delicato per il Paese, mi sento di chiedere un aiuto anche al mondo dell’informazione per isolare le fake news. Noi, maggioranza e opposizione, stiamo collaborando, più che mai, per mettere in campo tutte le misure necessarie a fronteggiare gli effetti del coronavirus, sia dal punto di vista sanitario, che da quello economico. Faremo tutto quello che serve per sostenere l’Italia e gli italiani.”

Questa la dichiarazione che mette pace nelle case di migliaia di famiglie italiane. La disinformazione incontra terreno duro nel contesto delle imposizioni fiscali per le quali si era inizialmente temuto il peggio. Stiamo pure tranquilli, a quanto pare non ci sarà alcuna Virus Tax.