IPTV: molte novità e la Champions League ma ecco il rischio galera

Se state usando l’IPTV e credete di essere al sicuro come un tempo, vi state sbagliando. I controlli delle forze dell’ordine sono nettamente aumentate, soprattutto durante il periodo di emergenza nel quale tutto è stato fermo. Molte persone sono state bloccate dalla Guardia di Finanza, la quale ha inoltre provveduto ad oscurare diversi server.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

 

IPTV: se vi sentite al sicuro, vi sbagliate di grosso

Fare utilizzo di un qualsiasi abbonamento IPTV è ad oggi molto più pericolosa rispetto al passato. Visto l’aumento dei controlli, gli utenti potrebbero ritrovarsi ben presto con una multa salata da pagare o magari con le manette ai polsi nel caso in cui vendano il servizio. Tutti gli apparati e dispositivi usati per la visione inoltre dovranno essere consegnati alle forze dell’ordine.

“L’illecita attività – dichiara la Guardia di finanza in un comunicato ufficiale – fa riferimento alla moderna metodologia di distribuzione di vari contenuti multimediali, la cosiddetta Iptv (Internet Protocol Television), attraverso cui i “pirati del web” acquisiscono e ricodificano tutti i palinsesti televisivi delle maggiori piattaforme a pagamento per poi distribuirli sulla rete internet, sotto forma di un flusso di dati ricevibile, dagli utenti fruitori, con la sottoscrizione di un abbonamento illecito ed un semplice PC, tablet, smartphone o decoder connesso alla rete”.