boieng 747

I voli intercontinentali su grandi aerei, dove c’è una presenza copiosa di passeggeri, potrebbe giungere al termine. Infatti, il Coronavirus sembra aver anticipato quello che però sarebbe dovuto avvenire da qui a poco. Gli aerei di cui stiamo parlando sono Airbus A380 e Boeing 747.

Secondo quanto è stato deciso ultimamente, i due aerei non saliranno più in cielo. Il Boeing 747 volava ormai da ben 50 anni, inoltre, durante questo periodo, c’è stata l’occasione di effettuare più volte la sua rivisitazione senza perdere però la sua iconica silhouette con l’upper deck. L’Airbus A380 è decisamente più recente essendo che volta da poco più di dieci anni. L’aereo è capace di ospitare al suo interno non meno di 500 passeggeri, tuttavia, anche per lui sembra che il suo percorso sia giunto al termine.

 

 

Boeing 747 e Airbus A380: i destini sembrano segnati, la loro fine è vicina

Secondo quanto riferito, il futuro di Aribus A380 era già segnato ancor prima dello scoppio dell’epidemia. Infatti, l’aereo risultava fin troppo costoso se al suo interno non c’erano molti passeggeri. Col tempo quindi, ha ricevuto il disinteresse totale di molte compagnie aeree. Il Boeing 747 ha vissuto una situazione analoga, infatti anche su questo col tempo si è delineata un quantitativo scarso di voli. La produzione nel 2019 si è fermata definitivamente e di conseguenza anche per il futuro si fermerà.

Una stima complessiva fatta da esperti del settore dice che solamente a metà di decennio il traffico aereo diventerà come quello che c’era prima della pandemia. Gli aerei utilizzati negli ultimi periodi erano decisamente più piccoli del Boeing 747 e dell’Airbus A380, ma erano comunque capienti e compievano tratte lunghe.