banca-conto

Le banche come ben sappiamo sono le custodi (per non dire le padrone) di gran parte della liquidità di proprietà della popolazione italiana, a esse infatti i vari clienti affidano il proprio denaro depositandolo nel conto corrente intestato e pagando annualmente i vari tassi di interesse e le varie commissioni dovute alla banca.

Tramite il conto corrente fornito dall’istituto ovviamente chiunque può svolgere delle operazioni che coinvolgono il proprio denaro e il suo movimento, ovviamente atto a pagare determinate cose o svolgere determinate attività economico finanziare.

Ovviamente un conto corrente presuppone la presenza di un contratto, in cui a dettare legge e ad avere un peso specifico maggiore è sicuramente la banca, la quale svolge spesso delle attività di controllo e di valutazione del profilo del cliente, in modo tale da capire chi ha di fronte e valutare il proseguo del rapporto di lavoro tra le parti.

Il rischio di chiusura del conto incombe per chiunque

Questa attenta valutazione delle attività da parte delle banche può portare, in alcuni casi, anche alla chiusura forzata e unilaterale del conto corrente da parte dell’Istituto Bancario, a seguito magari di comportamenti o attività del cliente non chiaramente definite o valutate al limite della legalità.

Si tratta di una procedura autorizzata da parte del governo e progettata appositamente sia per tenere sotto controllo dal punto di vista legale le varie attività economico-finanziare, sia per proteggere le banche da un uso improprio dei conti, cosa che ovviamente nuoce sia al nome della banca che all’intero ecosistema economico della nazione.

Ovviamente questa pratica estrema riguarda solo colore che infrangono determinate regole, per chi, come nella maggior parte dei casi, risulta tutto in regola, tutto resterà invariato.