blankLa compagnia Virgin Orbit di Richard Branson, fondato nel 2017, ha improvvisamente interrotto il suo primo tentativo di lanciare un razzo nello spazio. Sono state rilasciate alcune dichiarazioni.

Virgin Orbit mira a fornire servizi di lancio soprattutto per piccoli satelliti e qualche giorno fa ha tentato di lanciare un razzo di 21,34 m chiamato LauncherOne da un Boeing 747 modificato. Tuttavia, la missione – nel Mojave Air and Space Port in California – è “terminata” pochi istanti dopo il lancio stesso del razzo. In un post sul sito, Virgin Orbit afferma che “un’anomalia si è verificata all’inizio della fase di lancio e la missione [è stata] terminata in modo sicuro”. Al momento non è chiaro quale sia l’anomalia, tutte le altre procedure pre-lancio erano state eseguite con successo.

Virgin Orbit: primo tentativo fallito, razzo sospeso in aria e mandato indietro subito dopo il lancio iniziale

Un portavoce di Virgin Orbit ha dichiarato che non dispone di “alcuna informazione aggiuntiva da condividere. Il team sta ancora svolgendo le indagini. Sarebbe inopportuno ipotizzare la causa prima di avere una piena comprensione dei dati.” Su Twitter, la società dichiara: “Ne sapremo di più quando i nostri ingegneri analizzeranno la montagna di dati che abbiamo raccolto oggi. I voli di prova sono progettati per fornire dati di questo genere. Ora ne abbiamo in gran quantità. Abbiamo raggiunto molti degli obiettivi che ci eravamo prefissati”.

In un briefing pre-volo il giorno prima del lancio previsto, il vicepresidente di Virgin Orbit per progetti speciali, Will Pomerantz, ha dichiarato che circa la metà dei primi lanci fallisce. Infatti, una tale battuta d’arresto non sembra ostacolare la compagnia. Virgin Orbit è anche separata dal programma Virgin Bractic di Richard Branson, che mira a fornire voli spaziali suborbitali ai turisti e non solo. Le due società erano originariamente collegate, ma Virgin Orbit è stata espulsa nel 2017 dal programma.