ping call truffa

Tantissimi consumatori continuano a segnalare ogni giorno la nuova truffa in circolazione a cui nessuno riesce a sfuggire, la Ping Call. Anche una nota trasmissione televisiva, Le Iene, ha deciso di mandare in onda un servizio con il quale mette in allerta tutti gli utenti spiegando il meccanismo di questa nuova truffa.

La nuova truffa svuota credito Ping Call non risparmia proprio nessuno e ogni giorno le vittime aumentano notevolmente di numero secondo le segnalazioni ricevute. Purtroppo, si tratta di un subdolo metodo molto pericoloso soprattutto in alcuni casi. Ecco tutti i dettagli descritti nel paragrafo qui di seguito.

Ping Call: la nuova truffa svuota credito non risparmia nessuno, pericolo per questi utenti

La nuova truffa consiste nel svuotare il credito telefonico delle vittime tramite due metodi differenti, ma sempre con lo stesso principio:

  • Il truffatore inizia la truffa facendo solo degli squilli e riattacca nel momento in cui la vittima risponde, così da attirare la sua attenzione. Il credito telefonico della vittima inizia a svuotarsi nel momento in cui quest’ultima richiama il numero che ha inizialmente riattaccato.
  • Il truffatore fa solo degli squilli facendo trovare la chiamata persa alla vittima. Anche in questo caso, il credito telefonico inizia a svuotarsi nel momento in cui la vittima richiama il numero.

Nella maggior parte dei casi le chiamate provengono dalla Tunisia, dalla Gran Bretagna o dalla Francia. Si tratta, però, di una truffa molto pericolosa soprattutto per i consumatori che sostengono il costo del canone mensile della propria tariffa telefonica tramite carta di credito o prepagata. In questi casi, infatti, i consumatori potrebbero ritrovarsi con la carta prosciugata in pochissimi istanti perché queste chiamate hanno costi che variano da 0,50 centesimi di Euro ai 2,00 Euro al secondo.