disney-protezione-attacchi-hacker

Disney+ è stato inizialmente lanciato a novembre, un lancio dedicato a pochi paesi tra cui, ovviamente, gli Stati Uniti. Nel giro di poco è emerso un problema abbastanza grave, ovvero un gran di numero di attacchi hacker con mira gli account degli abbonati. Molti sono finiti in vendita su altri siti.

Gli attacchi sono stati tanti ed è anche comprensibile visto il fatto che si tratta di una nuova piattaforma attesa da tante persone. Nonostante una minaccia praticamente annunciata, Disney sembra non abbia voluto implementare una protezione basilare come quella a due fattori. Un’aggiunta che non è ancora stata fatta con l’arrivo in molti più paesi, ma qualcos’altro è stato fatto.

 

Disney+: serve di più

L’opzione in questione è Disconnetti da tutti i dispositivi. Il nome è abbastanza esplicativo, permette al proprietario effettivo dell’account di disconnettere tutti i dispositivi collegati, utile nel momento in cui si nota un’intromissione da un dispositivo sconosciuto. Ovviamente però si tratta di un qualcosa molto situazionale e che necessita della costante attenzione del proprietario.

In sostanza, oltre ai contenuti originali, i quali arriveranno una volta finita l’emergenza Covid-19, Disney+ dovrà sforzarsi anche di aumentare tutto quello che riguarda la protezione dell’account e dei dati dell’utente.

Nel frattempo, i proprietari degli account devono stare più attenti e non fare i soliti errori che le persone non esperte, o a volte solo pigre, fanno. Non usare la stessa password per diverse cose e non usare password banali come la stessa parola password, la quale anche nel 2020 continua a essere molto usata.