carte di credito

Con l’avanzamento tecnologico degli ultimi anni, purtroppo sono aumentati i truffatori che, di fatto, continuano a sfruttare le lacune degli utenti meno avvezzi al mondo digitale. Se fino a poco tempo fa le truffe online andavano per la maggiore, di recente pare che i truffatori, muniti di POS mobili, sono scesi addirittura in strada. Attraverso dei semplici dispositivi, infatti, questi ultimi riescono a rubare rubare in pochi attimi i dati ed il PIN delle carte di credito dei poveri utenti truffati.

Anche se fortemente apprezzato in tutto il mondo, purtroppo questa nuova truffa è possibile grazie all’introduzione del pagamento Contactless. Appoggiando semplicemente la propria carta di credito, oppure il proprio cellulare attraverso Google Pay ed Apple Pay, è infatti possibile effettuare qualsiasi transazione in pochissimi secondi e in maniera del tutto sicuro. Sfortunatamente, però, questa modalità di pagamento è una miniera d’oro per esperti truffatori. Scopriamo quindi di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Carte di credito e POS Portatili: ecco come avviene la nuova truffa

La truffa, a differenza di quanto si pensi, è in realtà molto semplice. Avvicinando degli appositi dispositivi NFC alla borsa o al portafoglio della vittima, infatti, il truffatore riesce a catturare in pochi secondi tutti i dati della carta. Tutto ciò è quindi possibile attraverso il chip contactless che, ormai da alcuni anni, è presenta di base su ogni carta di credito. Utilizzando dei veri e propri POS Portatili, quindi, i truffatori “costringono” le carte di credito delle vittime ad effettuare delle microtransazioni di 25 euro per cui, ricordiamo, non c’è necessità di inserire il PIN.

Fortunatamente evitare questo genere di truffa risulta essere molto semplice. Alcune banche, infatti, permettono di disattivare il pagamento contactless attraverso le proprie applicazioni. Per essere maggiormente sicuri, però, consigliamo ai lettori l’acquisto di portafogli e porta carte di credito in metallo, poiché questo materiale è in grado di bloccare la lettura dei dati da parte del lettore.