dvbt2

Il digitale terrestre conoscerà presto una svolta e con esso anche i canali TV di Rai e Mediaset; al fine di consentire la progressiva espansione delle reti di quinta generazione nel Paese, la televisione cambierà il suo standard passando dall’attuale al DVBT2.

Come ci si può immaginare, a seguito di tale cambiamento, saranno diverse le azioni da intraprendere tra le quali anche l’aggiornamento del proprio dispositivo il quale non sarà conforme per tutti visto un importante dettaglio non trascurabile.

DVBT2: l’aggiornamento dei canali TV sarà necessario per poterli continuare a visionare

Al fine di poter continuare a godere dei canali TV e del digitale terrestre come si è sempre fatto, dei provvedimenti dovranno essere assunti. Per capire quale tipo di azione si dovrà intraprendere, dunque, sarà necessario capire se il proprio televisore supporterà o non supporterà il codec HEVC DVBT2. Attraverso i due nuovi canali tv messi a disposizione da Rai e Mediaset tutto ciò sarà semplicissimo: non bisognerà che risintonizzare la lista e poi visitare le numerazioni 100 e 200. Una volta effettuato questo passaggio saranno due i risulta ottenibili:

  • I canali verranno restituiti senza alcun problema: in questo caso la televisione è stata prodotta dopo il 2017 e supporta già il nuovo standard, per questa categoria sarà semplicemente necessario effettuare una risintonizzazione al momento opportuno;
  • I canali non si trovano o se si visitano restituiscono un messaggio di errore: in questo caso le televisioni sono troppo datate o non supportano il più recente codec, per ovviare al problema sarà sufficiente acquistare un decoder DVBt2 da affiancare al dispositivo.