Home News Coronavirus: Google ci spiega come sta affrontando l’epidemia

Coronavirus: Google ci spiega come sta affrontando l’epidemia

Google ci spiega come sta combattendo il coronavirus tra disinformazione e informazioni utili da seguire per essere pronti a qualsiasi cosa.

google coronavirusGli sforzi di Google per informare le persone sull’epidemia coronavirus sono davvero importanti. La società ha delineato tutti i mondi in cui si rivolge verso questo argomento, compreso uno sforzo di rilievo per eliminare la disinformazione.

Oltre all’avviso SOS (con notizie e suggerimenti) nelle ricerche web, vedrai anche i pannelli che serviranno a spiegare la condizione in cui ci troviamo e come gestirla. YouTube, nel frattempo, indirizzerà le persone verso l’OMS e le organizzazioni locali attraverso la home page e fornirà spazi pubblicitari alle organizzazioni governative nelle aree interessate. Google Maps visualizzerà anche “informazioni locali utili e affidabili”, sebbene la società non abbia detto che cosa comportava.

 

Google: il lavoro che gira attorno al coronavirus è faticoso, anche quando non ce ne accorgiamo

Anche ciò che non vedi sarà importante. Google ha affermato di “lavorare 24 ore su 24” per eliminare le teorie sulla cospirazione e altre informazioni errate, tra cui malware e truffe di phishing che sfruttano la paura dell’epidemia di coronavirus. Sta bloccando tutti gli annunci che cercano di sfruttare l’epidemia mentre aiuta l’OMS e i governi a pubblicare annunci utili. YouTube sta realizzando video che promuovono richieste di prevenzione fasulle invece di dire alle persone di cercare assistenza medica. Il Play Store ha già delle politiche che vietano sia le app di sfruttamento sia quelle con informazioni sulla salute “fuorvianti o potenzialmente dannose”.

Anche il team DeepMind è coinvolto. Utilizza l’ultima versione del suo sistema AlphaFold AI per produrre previsioni di struttura di proteine ​​collegate a SARS-CoV-2 nel tentativo di aiutare a comprendere il virus e sviluppare trattamenti. Le previsioni non sono state verificate attraverso esperimenti, ma Google sta scommettendo che presto ci sarà impatto significativo.