E’ quasi un anno che la Commissione Trasporti della Camera ha approvato il nuovo Codice della Strada, ed ora finalmente sta entrando in vigore a tutti gli effetti. Le modifiche più importanti riguardano il sostanziale inasprimento delle multe per i guidatori scoperti ad utilizzare lo smartphone alla guida, con importi delle sanzioni pressoché quadruplicati rispetto al passato in determinati aspetti.

In aggiunta, altre importanti norme sono state introdotte per un maggior rispetto degli spazi in cui vige divieto di sosta o che sono adibiti per determinati tipi di esigenze, come i parcheggi per i diversamente abili, per le future mamme e per la ricarica delle auto elettriche. Eccole nel dettaglio.

Nuovo Codice della Strada, sanzioni aumentate: deterrente per l’uso dello smartphone alla guida

D’ora innanzi, chiunque dovesse essere sorpreso ad utilizzare lo smartphone, il tablet o il pc alla guida sarà soggetto a sanzioni comprese in un range tra i 422 e i 1.687 euro. L’obiettivo è quello di disincentivare all’utilizzo di qualunque dispositivo possa distogliere l’attenzione del guidatore al tenere gli occhi ben puntati sulla strada. Laddove il fatto venisse giudicato particolarmente grave, si potrebbe aggiungere il ritiro della patente per un periodo compreso tra i 7 giorni e i due mesi.

Non sarà concesso di utilizzare lo smartphone neppure quando il veicolo non è in movimento e si trova, ad esempio, fermo in coda o ad un semaforo. In alternativa, si potranno utilizzare i comandi vocali e il vivavoce, meglio ancora se integrati nell’auto stessa.

Chi fosse colto in fallo e risultasse recidivo, le sanzioni raggiungerebbero l’intervallo tra 644 e 2.588 euro, con annesso ritiro della patente da uno a tre mesi e decurtazione di un numero di punti compreso tra 5 e 10.

Divieto di sosta e parcheggi rosa: le novità del nuovo Codice

Aumenta l’importo delle sanzioni anche per la sosta vietata: a seconda del tipo di infrazione, varia la somma da corrispondere. Se si parcheggia su un marciapiede o all’interno di uno spazio riservato ai diversamente abili, le multe vanno da 161 a 647 euro (80-328 euro se si parla di scooter) e si procederà alla decurtazione di 4 punti dalla patente. Tolti 2 punti invece a chi parcheggia negli spazi per la ricarica delle auto elettriche.

Una buona notizia proviene dalla revisione delle norme per i parcheggi rosa, che d’ora in poi saranno fruibili non solo dalle donne in gravidanza ma anche dai genitori che portino con sé un bambino con età inferiore ad un anno, in maniera del tutto gratuita come avviene già ora.