furto auto truffa della bottiglia di plastica

Sono molteplici i trucchetti utilizzati dai truffatori per spillare quanti più soldi possibili agli automobilisti che, molto spesso, cadono in tranelli come quello del finto avviso di gomma a terra, quello dello specchietto e tanti altri. Recentemente, però, un vecchio metodo nato tantissimi anni fa è ritornato a colpire gli Italiani; stiamo parlando del trucco della bottiglietta di plastica.

Ad oggi, purtroppo, sono diventate tantissime le vittime che vengono beffate ogni giorno da questo banale scherzetto. La Polizia è stata prontamente avvisata e, attualmente, è alla ricerca dei malfattori  che utilizzando questo metodo quotidianamente.

Bottiglietta di plastica e auto rubata: ecco come si comportano i ladri.

Nonostante il procedimento sia parecchio banale, questo trucco ha permesso ai malintenzionati di mettere a segno centinaia di colpi in tutta Italia. Dopo aver selezionato accuratamente la vittima e il suo veicolo, il ladro, nel momento esatto in cui l’automobile viene lasciata incustodita, posiziona una semplice bottiglietta di plastica vuota tra la ruota e il passaruota

La bottiglietta viene quindi posizionata nel lato passeggero in modo tale che il proprietario del veicolo si accorga della sua presenza. Nel momento esatto in cui l’automobilista effettua la manovra per uscire dal parcheggio, la bottiglietta di plastica viene schiacciata producendo un forte rumore anomalo.

In questo preciso momento, quindi, il ladro entra in azione fingendo di aiutare l’automobilista che, nella maggior parte dei casi, esce dal veicolo lasciandolo acceso. Con un rapido scatto, quindi, il malfattore entra all’interno dell’automobile e inizia a schiacciare l’acceleratore a manetta, effettuando di fatto un furto del veicolo.
Per evitare di cascare in questo raggiro consigliamo quindi di controllare le ruote della macchina ancor prima di entrare all’interno di quest’ultima.