Mentre ti stavi riprendendo dalla sbronza di Natale, la sonda solare Parker della NASA ha completato con successo il suo secondo sorvolo di Venere .

Giovedì 26 dicembre, l’astronave si è avvicinata al pianeta ad una distanza di circa 1.870 miglia durante la seconda assistenza per gravità della missione.

La sonda, intitolata al fisico Eugene Parker, è stata lanciata nell’agosto 2018. È dotata di una scheda di memoria contenente foto di Parker e una copia del suo documento scientifico del 1958 che prevede importanti aspetti della fisica solare.

Nell’ottobre 2018, è passato entro 26,55 milioni di miglia dalla superficie del Sole, battendo il precedente risultato stabilito dal tedesco-americano Helios 2 più di quattro decenni fa.

La NASA ha deciso di inviare la sonda solare Parker questa settimana per la sua seconda visita al gemello della Terra.

 

NASA: cosa può fare la sonda Parker nello spazio

Come suggerisce il nome della sonda, i suoi strumenti sono progettati per studiare una stella, non un pianeta: si concentrano principalmente sul plasma, il gas altamente ionizzato che comprende il Sole.

Ciò non significa che non possano raccogliere e restituire informazioni vitali, però.

Curry & Co. sono particolarmente interessati ai dati su una caratteristica chiamata shock di prua, descritta da Space.com come “dove il quartiere di [Venus] incontra il vento solare di particelle cariche” che scorre via dal Sole.

Andando avanti, i ricercatori sperano di saperne di più sulle misurazioni della perdita atmosferica del pianeta durante i prossimi due voli della sonda, previsti per luglio 2020 e febbraio 2021.

Durante il primo sorvolo di Venere di Parker Solar Probe alla fine del 2018, l’astronave, convinta di puntare direttamente verso il Sole, spense i suoi strumenti come misura di protezione.