Google Stadia è stato lanciato questa settimana. Sì, è tecnicamente vero che ora puoi pagare soldi veri per l’ambiziosa piattaforma di streaming di videogiochi di Google. Ma tra i problemi di latenza, la libreria software limitata e varie altre restrizioni, adesso Stadia sembra una beta di accesso anticipato piuttosto che un prodotto completo. Molti critici hanno definito Google Stadia un’opera incompleta la quale per ora non vale la pena acquistare.

E sembra che alcuni clienti abbiano seguito quel consiglio. Anche se per ora è tutto molto “aneddotico”, (il prodotto è stato lanciato letteralmente ieri) sembra che le vendite di Google Stadia stiano procedendo a passo piuttosto lento.

 

Google Stadia: le critiche ferree di Schreier e i numeri al di sotto delle aspettative

Jason Schreier di Kotaku ha un curriculum stellare quando si tratta di riferire notizie del settore dei giochi da insider. Quindi, quando dice qualcosa, è bene dargli ascolto. Nel giorno del lancio di Stadia aveva definito il prodotto un “flop monumentale” con numeri di pre-ordine “al di sotto delle aspettative”. I numeri di pre-ordine sono una metrica che Google potrebbe tracciare anche prima del lancio.

C’è stato scetticismo del servizio fin dall’inizio. Ma non ci si deve aspettare che Google abbandoni completamente Stadia. Versioni più economiche e potenzialmente più interessanti del servizio saranno disponibili per il prossimo anno, insieme ad altri giochi. E davvero i lanci su console diverranno raramente eccezionali. Tuttavia, se alla fine Stadia venisse inviato al Google Graveyard, non c’è davvero nulla di cui essere sorpresi.