Innanzitutto è opportuno fare una breve descrizione di presentazione di ciascun modello: OLED sta per “Organic Light-Emitting Diode”. Infatti mentre i televisori LED utilizzano un display a cristalli liquidi che è retroilluminato da strisce, o quest’ultime poste a griglia, i pannelli OLED emettono loro stessi luce propria, un pò come fanno le stelle, quando sono attraversati da elettricità.

LED vs OLED: le caratteristiche salienti

Livelli di nero: Il primo vantaggio delle TV OLED è che i neri sono molto più marcati e questo si mostra in un livello di contrasti nettamente maggiorato. Ciò significa che sugli schermi OLED i neri sono veramente super neri.

Le TV LED hanno una funzione chiamata “local dimming” che serve ad oscurare solo le zone nere dello schermo, e questa modalità consente agli schermi LED di mostrare dei neri.

Motion Blur: su molte TV un oggetto che si muove velocemente appare leggermente sfocato. Questo effetto, detto “motion blur” appare sia nelle TV LED che nelle TV OLED, in maniera più o meno marcata. Per due motivi:

Angolo di visione: con le TV LED l’immagine tende a colori più chiari quando guardiamo la tv da una posizione angolata, come quando muoviamo il cellulare e non vediamo più nettamente l’immagine come quando la visualizziamo frontalmente.

La TV OLED ha un angolo divisione di oltre 4 volte maggiore rispetto a quella di uno schermo a LED. L’unico difetto dell’ampio angolo di visione dello schermo OLED è che l’immagine diviene di una tonalità di un giallino se la osserviamo da una posizione laterale e con una distanza notevole dallo schermo.

Luminosità: le TV LED vincono nettamente il confronto con le TV OLED. Se portiamo al massimo la luminosità un pannello OLED non solo si viene a notare una diminuzione nel il suo tempo di vita, ma aumenta i tempi di spegnimento dei pixel. Quindi se posizionate la vostra televisione in una stanza molto soleggiata, il consiglio è l’acquisto di una TV LED.