ban WhatsApp gruppiInizialmente WhatsApp è nato come una soluzione per comunicare dallo spirito libero. Un’app con cui entrare in contatto con amici, parenti e partner in modo spregiudicato, senza troppi giri di parole e limitazioni. Ad ogni modo nel corso degli ultimi mesi sono cambiate parecchie cose e ora la policy interna vieta alcune azioni. Lo sviluppatore ha scelto di utilizzare il pugno di ferro contro i partecipanti ai gruppi dal nome sospetto. Diverse segnalazioni confermano una nuova presa di posizione da parte della società. Ecco che cosa NON si può più fare con le chat.

 

WhatsApp: gruppi vietati, il rischio è di ottenere il ban permanente del proprio account

Cosa fareste per non perdere tutte le vostre chat personali, di gruppo e le funzioni cui ci siamo abituati nel tempo. L’idea di dover rinunciare a messaggi, note audio, chiamate e video chiamate spaventa la maggior parte di noi. Adesso c’è un motivo in più per stare attenti visto che, come segnalato da WABetaInfo, rischiamo la chiusura account per sempre.

Sembra non essere affatto uno scherzo. Il motivo risiede nei nomi dei gruppi che violano i termini di utilizzo generali dell’app. Il servizio può essere chiuso senza preavviso con la perdita di tutta la cronologia delle conversazioni avvenute. WhatsApp, pertanto, monitora eventuali attività illegali analizzando anche i nomi dei gruppi di discussione. Non potendo accedere a chat e chiamate a causa della crittografia che protegge il contenuto si è inventata questa nuova strategia.

Potrebbe funzionare pertanto consigliamo di porre particolare attenzione nella scelta dei nomi dei gruppi cui prendiamo parte, visto che pur non essendo amministratori subiamo la stessa sorte.