Sim clonate truffe credito residuo

Una nuova problematica è in fase di espansione sulle linee telefoniche appartenenti a TIM, Wind, 3 Italia, Vodafone e Iliad e quindi di conseguenza alla loro relativa clientela. Stando alle ultime indiscrezioni circolate online, una nuova frode starebbe sfruttando le SIM degli italiani per poter aggirare i controlli di sicurezza istituiti dagli istituti bancari della nazione. Pericolosa fino al punto giusto, questa truffa si concretizza nella clonazione delle SIM, ma se tutto ciò è reso possibile è solo ed esclusivamente grazie all’aiuto delle stesse persone assunte come vittime finali e alla mancanza di privacy che oramai ha annegato la nostra società.

SIM clonate: ecco come funziona lo swap Scam

Per ottenere una scheda SIM clonata i cybercirminali non fanno altro che inviare una richiesta alla TIM, Wind, 3 Italia o Vodafone per ricevere un duplicato della SIM. Ovviamente per effettuare tutto ciò, il modulo da compilare deve contenere dati molto personali che, in fin dei conti, dovrebbero possedere solo i soggetti interessati ma purtroppo non è così.

Come mai? Beh, l’era dei social network ha portato ad una diminuzione della privacy enorme e, di conseguenza, oramai è molto facile trovare dati di ogni genere online. Proprio grazie a questo fenomeno, le truffe delle SIM clonate sono state facilitare molto e sempre più casi sono venuti a galla. In conclusione, è essenziale prestare attenzione a cosa si pubblica online o a dove si condividono i propri dati poiché una volta online, rimarranno sempre online potendo diventare una minaccia in futuro e senza che voi lo sappiate.