Radiazioni smartphone

La sicurezza della propria persona è un elemento fondamentale nella vita dell’uomo, il quale nel corso del tempo ha iniziato ad avere un occhio sempre più critico e soprattutto a richiedere informazioni utili a prendere decisioni consapevoli e sicure. Visto l’ingente uso che si fa degli smartphone, anche questi ultimi sono stati più volte soggetti di analisi accurate e di inchieste vere e proprie, le quali non hanno avuto altro scopo che appurare la sicurezza di questi devices che oramai accompagnano la vita di ogni persona in plurime occasioni.

Non è un mistero, infatti, che siano stati diversi i report sugli smartphone e sui livelli di radiazioni emessi da questi ultimi.

Radiazioni e smartphone: ecco i valori SAR più alti nel mercato

Al fine di misurare la sicurezza o meno di uno smartphone sono state introdotte le norme regolanti i valori SAR, ossia il tasso d’assorbimento specifico dell’energia nel corpo umano. Queste non devono superare, per forza di legge, i 2 watt per chilogrammo. Se così fosse uno smartphone non potrebbe essere immesso sul mercato. Ne discende da ciò che in base ai risultati ottenuti si siano potute stilare vere e proprie classifiche, additando gli “smartphone più pericolosi” da quelli “meno pericolosi“. Prima di procedere col vedere quali questi sono, in ogni caso, vorremmo ribadire il fatto secondo cui tutti quelli elencati siano comunque sicuri per l’utilizzo umano, visto che rispettano a pieno le norme vigenti ed i test per l’immissione sul mercato.

Gli smartphone con valori SAR più alti sono:

modelli-pericolosi-interno-articolo