orionidi stelle cadenti

Le notti delle stelle cadenti continuano a fioccare anche nel mese di ottobre, e vi segnaliamo un appuntamento speciale per gli appassionati di astronomia. In questi giorni ci sarà infatti lo spettacolo dello sciame meteorico delle Orionidi, una pioggia che avrà il proprio picco tra il 22 e il 23 ottobre.

In realtà la Terra sarà investita da queste meteore dal 18 al 23 ottobre, pertanto vi toccherà fare gli straordinari con i vostri telescopi per assistere allo spettacolo completo. Se le condizioni meteo locali saranno più che favorevoli, allora l’osservazione delle meteore sarà ottima a patto da tenervi lontano dalla Luna.

 

Stelle cadenti: ecco le Orionidi, le figlie della cometa di Halley

Per l’osservazione ottimale delle stelle cadenti si consiglia di guardare al cielo nella prima parte della notte o anche nelle prime ore del mattino. Insomma vi conviene sfruttare i momenti in cui la luminosità della Luna è più debole.

Le Orionidi si chiamano in questo modo per via del fatto che la loro traiettoria sembra originarsi dalla costellazione di Orione nel momento in cui la Terra ne viene investita. Come meteore, ovvero frammenti di cometa che brillano bruciando a contatto con la nostra atmosfera, vengono ricordate anche per il fatto che sono le vestigia di uno dei più famosi oggetti dell’astronomia.

Infatti, le Orionidi sono i resti del passaggio della cometa di Halley, oggetto visibile ogni 76 anni circa nei nostri cieli. La sua scia nel viaggio attorno al Sole lascia una serie di piccoli detriti di polvere e ghiaccio che diventano le nostre Orionidi.