diesel-meglio-elettrico

Quando si pensa all’acquisto di nuovo veicolo molti automobilisti reputano importante anche il rispetto dell’ambiente. Sempre più spesso infatti anche le stesse case automobilistiche pubblicizzano questo aspetto durante la presentazione dei loro nuovi modelli. Sembrerebbe però che l’Elettrico, molto spesso pubblicizzato come “zero-emission“, sia ancora in svantaggio sul Diesel.

Prima di fare questa affermazione bisogna ovviamente documentarsi e capire cosa c’è alla base. A porre l’Elettrico in una posizione di svantaggio è purtroppo ancora l’unica vera tecnologia nella quale l’uomo è in difficoltà, le batterie. La produzione delle stesse rappresenta infatti un importante punto da tenere in considerazione nel calcolo delle emissioni finali di tali veicoli.

Diesel: ecco le motivazioni del suo attuale vantaggio

Il motore Diesel dopo svariati anni dalla sua creazione rappresenta ormai lo stato dell’arte dei motori. L’Elettrico dal canto suo vanta una serie di novità che potrebbero portarlo in breve tempo a guidare la mobilità del futuro. Purtroppo però come anticipato poco fa, rimane il problema delle batterie. Queste, oltre ad un notevole impatto legato alla produzione, devono poi essere smaltite correttamente per evitare danni ambientali.

Rimane quindi ancora da sciogliere un nodo importante per il “combustibile” di nuova generazione. Sicuramente con l’incremento dei veicoli in produzione verranno anche abbattuti i costi e di conseguenza si potrà raggiungere la tanto attesa perfezione che ci porterà ad un veicolo completamente “eco-friendly”.

Recentemente a Monaco di Baviera il CES-IFO ha pubblicato uno studio che mette in contrapposizione una Mercedes C220d e una Tesla Model 3. Il risultato è ovviamente in linea con il nostro titolo. L’auto diesel emette infatti solo 142 grammi di CO2 per chilometro, quella elettrica ben 165. Questo ovviamente è un dato che tiene in considerazione il problema batterie di cui vi abbiamo parlato poco fa.