Lo scorso anno gli scienziati hanno osservato prove di ghiaccio d’acqua sulla superficie della Luna.

Situati nelle parti più buie e fredde delle sue regioni polari, questi depositi irregolari hanno probabilmente miliardi di anni. Ma alcuni, secondo le nuove ricerche, potrebbero essere molto più recenti.

L’età di questi depositi può potenzialmente dirci qualcosa sull’origine del ghiaccio, il che ci aiuta a capire le fonti e la distribuzione dell’acqua nel sistema solare interno“, ha detto l’autore dello studio principale Ariel Deutsch, uno studente laureato alla Brown University, in una dichiarazione.

In collaborazione con il professor Brown Jim Head e Gregory Neumann del Goddard Space Flight Center, Deutsch ha studiato i dati del Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA che circonda la Luna dal 2009.

La maggior parte dei depositi di ghiaccio segnalati sono stati trovati all’interno di grandi crateri formati circa 3,1 miliardi di anni (o più) fa; la distribuzione irregolare suggerisce che il ghiaccio è stato colpito dai detriti per un lungo periodo.

 

Luna: il ghiaccio emerso è recente e la sua probabile provenienza

Gli analisti, tuttavia, hanno anche trovato prove di ghiaccio nei crateri più piccoli, che sembrano essere “abbastanza freschi”, dice Brown, suggerendo che alcuni depositi sul polo sud sono emersi relativamente di recente.

È stata una sorpresa“, ha detto Deutsch. “Prima non c’erano mai state osservazioni di ghiaccio nelle trappole fredde più giovani.

Depositi invecchiati in modo diverso indicano anche fonti diverse: il ghiaccio più vecchio potrebbe provenire da comete e asteroidi portatori d’acqua o attività vulcanica, nessuno dei quali è un problema oggi.

Quindi il ghiaccio più recente deve essersi sviluppato da qualcos’altro: forse il bombardamento di micrometeoriti di dimensioni di un pisello o l’impianto da parte del vento solare.

Il modo migliore per scoprirlo, hanno detto i ricercatori, è inviare un veicolo spaziale per raccogliere campioni.

Questo è ciò che la NASA ha fatto con il suo Moon Mineralogy Mapper (M3), che ha aiutato i ricercatori a identificare tre firme specifiche che “dimostrano definitivamente” che c’è ghiaccio d’acqua sul satellite terrestre.

La macchina non solo ha raccolto le proprietà riflettenti attese dal ghiaccio, ma ha anche misurato il modo distintivo in cui le sue molecole assorbono la luce infrarossa, consentendo ai ricercatori di distinguere tra acqua liquida o vapore e ghiaccio solido.

La maggior parte del nuovo ghiaccio d’acqua si trova nell’ombra dei crateri vicino ai poli della sfera, dove la temperatura non raggiunge mai un balsamico -250 ℉. La minuscola inclinazione dell’asse di rotazione della Luna, ha spiegato la NASA, impedisce alla luce solare di raggiungere queste regioni.