La galassia della Via Lattea è una sorta di fulcro: un buco nero che pesa quattro milioni di volte tanto quanto il sole è circondato da milioni di stelle che la circondano a velocità vertiginosa. Tuttavia, questa area, che si è riempita di intense radiazioni a raggi X e luce ultravioletta, è oscurata dal nostro punto di vista.

Anche se non possiamo vedere il vivace centro della Via Lattea, l’importante James Webb Telescope della NASA ci aiuterà a vedere questo posto interessante. È progettato per osservare l’universo nella luce infrarossa, che è invisibile ai nostri occhi, ma fondamentale per l’analisi degli oggetti astronomici nascosti dalla polvere. Una volta lanciato, Webb raccoglierà la luce infrarossa che trafigge la copertura nebulosa della Via Lattea e rivela il suo centro galattico con dettagli ad alta risoluzione.

 

NASA: il Webb Telescope e il suo funzionamento

Stiamo vedendo solo la punta dell’iceberg da terra“, ha dichiarato Torsten Böker dell’Agenzia spaziale europea e STScI. “Webb sarà in grado di studiare le stelle più deboli e di dirci di più sulla popolazione stellare complessiva.

Il buco nero nel cuore della Via Lattea è più misterioso e Webb mira a esplorarlo di più.

Gli scienziati hanno già individuato stelle infantili a bassa massa che si formano vicino al buco posteriore. Anche se l’ambiente di radiazione e la gravità del buco nero dovrebbero interrompere le nuvole di gas, queste stelle neonate, note anche come protostar, hanno prosperato. Webb potrebbe mostrarci come si stanno formando queste protostar e perché stanno popolando questo spazio oscuro e vasto.

Webb potrebbe anche essere in grado di rilevare il disco attorno al buco nero. Gli astronomi hanno già indicato bagliori di luce quando il buco nero ha risucchiato del materiale, tuttavia, non sono stati in grado di osservare un bagliore dal disco del buco nero.

“Il buco nero viene per primo e le stelle si formano attorno ad esso? Le stelle si riuniscono e si scontrano per formare il buco nero? Queste sono domande a cui vogliamo rispondere “, ha dichiarato Jay Anderson di STScI, un co-investigatore di uno degli studi.

Webb, che dovrebbe essere lanciato nel 2021, mirerà a esplorare i misteri del sistema solare, indagare su mondi distanti attorno ad altre stelle e analizzare altre strane strutture all’interno del nostro universo.