Il nuovo strumento di limitazione di Instagram consente agli utenti di proteggere “silenziosamente” il proprio account dalle molestie online.

Il bullismo è un problema complesso e sappiamo che i giovani affrontano una quantità sproporzionata di bullismo online ma sono riluttanti a denunciare o bloccare i colleghi“, ha scritto il social network in un post sul blog.

 

Instagram: come applicare la restrizione contro il cyberbullismo

Ora puoi limitarli: scorri semplicemente a sinistra su un commento, visita la scheda Privacy in Impostazioni o agisci direttamente sul loro profilo.

Una volta “limitato”, i commenti dei parassiti sui tuoi post saranno visibili a loro e solo a loro; quella persona non saprà mai che nessun altro può leggere il loro backtalk.

Per rendere pubblico il commento di un heckler, è sufficiente approvarlo.

Gli utenti con restrizioni non sono in grado di vedere quando sei attivo su Instagram o quando hai letto i loro messaggi diretti, che passano automaticamente a Richiesta messaggio.

Scegli di “limitare” un account e tutti i messaggi futuri torneranno nella tua casella di posta.

È nostra responsabilità creare un ambiente sicuro su Instagram“, ha scritto il CEO Adam Mosseri in un post sul blog di luglio. “Questa è stata una priorità importante per noi da un po ‘di tempo e stiamo continuando a investire per comprendere meglio e affrontare questo problema.

Leggi anche:  Instagram: iniziata la distribuzione del tema scuro per Android

Lo scorso anno, a soli 10 giorni dall’inizio del lavoro, Mosseri ha introdotto un nuovo algoritmo, addestrato per rilevare le molestie in foto e didascalie e inviare in modo proattivo contenuti offensivi al team operativo della comunità per la revisione.

I Grammer possono ovviamente segnalare manualmente un post o un profilo per abuso tramite l’app per dispositivi mobili o il sito Web”.

La sicurezza non è l’unico obiettivo di Instagram. La piattaforma sta anche “mettendo la creatività della nostra comunità al centro del nostro lavoro” con un nuovo adesivo “Create Don’t Hate” nelle storie.

Volevamo creare uno strumento flessibile che consentisse ai giovani di parlare, definire ciò che è accettabile nella loro comunità e diffondere positività su Instagram“, ha affermato il blog.

Siamo impegnati a guidare il settore nella lotta contro il bullismo online e continueremo a sviluppare questo impegno a lungo termine“, ha aggiunto Instagram.