android-auto

Android Auto accompagna gli automobilisti italiani e le loro autovetture ormai da qualche anno. Le motivazioni che spingono gli utenti ad utilizzarlo esulano spesso dal mero divertimento ma hanno a che fare con la sicurezza alla guida. Il sistema di intrattenimento di Mountain View è infatti la soluzione più semplice per utilizzare il proprio smartphone alla guida rinunciando unicamente alle distrazioni che esso comporta.

Quante volte ci capita infatti di essere costretti ad utilizzare il navigatore ed effettuare una chiamata, con Android Auto il procedimento è veloce e sicuro. Dopo gli anni di servizio però l’interfaccia cominciava a farsi pesante e necessitava di un miglior sistema per gestire il multitasking. Ecco quindi che in occasione di queste vacanze estive è stata rilasciata una nuova versione, la 4.4, le cui novità verranno affrontate all’interno del nostro articolo.

Android Auto: importanti novità introdotte nell’aggiornamento

La prima novità che va segnalata, poiché è sotto gli occhi di tutti è il restyling grafico della UI. Finalmente infatti Android Auto diventa molto più gradevole e l’interfaccia è stata completamente ridisegnata per fruire i contenuti più velocemente. E’ stata aggiunta la possibilità di inserire la applicazioni preferite nella prima riga, differenziandole da tutto il resto di quelle installate.

Leggi anche:  Levi's, arrivano due giacche smart con tecnologia Jacquard di Google

Arriva anche la modalità dark, nella quale possono essere adattate anche alcune colorazioni agli interni del nostro veicolo. Finalmente poi il sistema sarà in grado di adattarsi automaticamente alle varie dimensioni dei display, modificando la quantità delle informazioni visualizzate.

Google Assistant diventa un tasto presente nella barra inferiore e potrà essere utilizzato per comandare vocalmente una serie di applicazioni senza usare il nostro smartphone. Queste saranno riconoscibili dal logo dell’assistente vocale nell’icona.

Google ha inoltre annunciato di essere al lavoro con le case automobilistiche per aumentare ulteriormente l’integrazione tra sistema e veicolo. Questo si tradurrò in una maggior interazione con la propria autovettura che sarà in grado di comunicare anche eventuali guasti meccanici.