Il gioco di sopravvivenza multigiocatore di zombie, DayZ, è stato bandito dal rilascio in Australia. Ciò a causa del rifiuto dell’Australian Classification Board di classificare il titolo.

DayZ è stato rilasciato ufficialmente alla fine del 2018, ma quest’anno uscirà un’edizione fisica del gioco. Tuttavia, non ci sarà un rilascio fisico in Australia. Non solo, il paese vuole vietare anche la vendita in digitale.

DayZ, niente vendite fisiche o digitali in Australia

L’Australian Classification Board ha dato a DayZ una valutazione “RC” (Classificazione rifiutata) il 4 giugno. Ha definito il titolo come un gioco che “descriverà, esprimerà o tratterà di questioni di sesso, abuso di droghe, crimine, violenza e fenomeni rivoltanti o disgustosi”.

La valutazione non specifica esattamente quale delle caratteristiche di DayZ comporta la mancanza di classificazione. Tuttavia, Kotaku in Australia ha ottenuto un rapporto in cui si afferma che il gioco è stato vietato per “uso di droghe illecito in relazione a incentivi o premi”.

“Attraverso un gameplay generale, il giocatore è in grado di raccogliere e utilizzare una varietà di equipaggiamento, rifornimenti e armi”. “Una delle opzioni per ripristinare la salute del giocatore è un’articolazione di marijuana, etichettata” cannabis “, che è indicata da un germoglio di cannabis nell’inventario del giocatore.

Mentre il consiglio di classificazione consente l’uso di droghe nei giochi, il rapporto specifica che questi non possono essere “dettagliati o realistici”. “Se l’uso della cannabis nel contesto di questo gioco non fungesse da incentivo o da ricompensa, il suo impatto potrebbe quindi essere contenuto nella classificazione R18 +”, afferma il rapporto.

Come ha sottolineato un utente di Twitter, la cannabis è una funzionalità che dovrebbe arrivare su DayZ in un aggiornamento successivo. È anche possibile che Bohemia Interactive rimuoverà la funzione per consentire al gioco di essere classificato per il rilascio fisico.