Whatsapp truffa buono spesaLa nuova truffa WhatsApp diventa virale spingendosi fino al social network di Facebook. In palio vi sono falsi buoni Conad, Carrefour e Altalia che altro non producono se non ammanchi di denaro importanti dal credito delle SIM. Come agiscono i malviventi? Quanti soldi sottraggono indebitamente? Scopriamolo esaminando il nuovo pericolo che fa il giro delle chat.

[SEGUI GRATIS da vicino le grandi offerte online attraverso il NUOVO CANALE speciale attivo su Telegram. Trovi decine di occasioni al giorno per risparmiare con la garanzia del negozio Amazon.]

 

WhatsApp: le chat diventano pericolose con la truffa delle false offerte dei supermercati e delle agenzie di volo

Puoi vincere un buono Conad da 500 euro“. Potresti, ma ti consigliamo di non andare oltre il precedente messaggio. Allo stesso modo, viene proposto un voucher per Carrefour o Alitalia? Stanne alla larga. Si parla di una truffa virale che investe gli internauti dei social e di Whatsapp.

La società di sicurezza Group-IB ha scoperto l’inganno e lanciato l’allarme per uno dei metodi di phishing più riconoscibili in assoluto. Anziché passare per il circuito delle email si usano le semplici chat. Finte offerte promozionali richiedono il fatidico click sull’ennesimo link sospetto che si trova in allegato alla comunicazione in transito. Non appena si preme sul pulsante per ottenere la promo si attiva un servizio in abbonamento che scala velocemente il credito della SIM ospite. Ovviamente le aziende coinvolte sono all’oscuro di tutto e, loro malgrado, sono essere stesse delle vittime.

Leggi anche:  WhatsApp, c'è un unico metodo per leggere i messaggi rimossi dalle chat

Il modus operandi è ormai chiaro. Come devono essere chiare le soluzioni per arginare questo ennesimo attacco. Occorre sanzionare l’illecito a chi di competenza provvedendo a bloccare il mittente eliminando preventivamente il messaggio pericoloso. Riconoscere un attacco del genere è semplice in quanto spesso si conclude con il redirect a siti con dominio .win, .top, .money e con il proporsi ciclico delle parole “voucher, offerta, regalo o sconto speciale“. Facciamo attenzione e usiamo, come prima cosa, l’arma della diffidenza insieme all’informazione.