facebook-attacco-chimico-sarin

Nella mattinata di ieri, le 18:00 per il nostro orario, quattro sedi della Facebook Inc sono state evacuate per quello che è stato identificato come un attacco chimico. Apparentemente una lettera è arrivata in sede e nel momento del controllo, cosa che viene fatta regolarmente con ogni pacco, due membri del personale hanno identificato un agente chimico nervino che è stato confermato essere il sarin. I controlli successivi da parte delle autorità competenti ha confermato la presenza di tale agente nelle stanze.

Al momento i due membri del personale, gli altri sono stati fatti evacuare senza che venissero in contatto col composto, non ha presentato alcun sintomo dovuto all’esposizione. Questa è stata una fortuna visto e considerato che questo elemento viene usato come un’arma chimica che distrugge il sistema nervoso portando alla morte chi viene esposto nella maggior parte dei casi.

Leggi anche:  Huawei: le società statunitensi non sanno ancora cosa possono fare

 

L’attacco alle sedi di Facebook

Ecco la dichiarazione ufficiale fatta dal portavoce della compagnia, Anthony Harrison: “Alle 11.00 del PDT di questa mattina, un pacco consegnato a una delle nostre mailroom è stato ritenuto sospetto: abbiamo evacuato quattro edifici e stiamo conducendo un’indagine approfondita in coordinamento con le autorità locali. Le autorità non hanno ancora identificato la sostanza trovata. Al momento, tre degli edifici evacuati sono stati ripuliti per il ripopolamento. La sicurezza dei nostri dipendenti è la nostra massima priorità e condivideremo informazioni aggiuntive quando saranno disponibili.

Per quanto riguarda le conferme della sostanza, questo comunicato è stato fatto quasi subito ovvero quando gli esperti non avevano svolto il loro lavoro.