Trump, il presidente americano, ha parlato con la Fox Business Network all’inizio di questa settimana, per poi dichiarare apertamente che il governo degli Stati Uniti dovrebbe fare causa a Google e Facebook, e non solo.

Durante la sua corsa alla Casa Bianca nel 2016 e da quando è alla Casa Bianca, Trump ha dichiarato che Google e Facebook sono gestiti da democratici. Sulla base di tali affermazioni, Trump ritiene che le due aziende diffondono “false notizie” per aiutare l’opposizione, che in questo caso sarebbero i Democratici. Trump crede che Google stia “cercando di gestire in qualche modo le elezioni“. Ha anche affermato che Twitter rende molto difficile per gli utenti riuscire a seguirlo. Sebbene, come al solito, Trump non ha alcuna prova di tali accuse. Google, Twitter e Facebook hanno a lungo negato ciò che sostiene il presidente americano.

Google, Facebook, Twitter, Amazon e Apple ancora una volta accusate dal presidente Donald Trump

Trump è persino disposto ad agire per vie legali. Ciò dopo che il Dipartimento di Giustizia e la Federal Trade Commission hanno diviso le indagini su Google, Facebook, Amazon e Apple. Sono le quattro aziende tecnologiche più grandi negli USA. Molti sono preoccupati che queste aziende siano diventate fin troppo grandi. Ad esempio, Google era in origine una società di ricerca e pubblicità. Adesso possiede la più grande piattaforma mobile al mondo con una quota di mercato superiore all’86%. Ed è anche in ambito sanitario, ha una propria rete mobile, crea i propri smartphone, prodotti per la casa intelligenti e molto altro. Google e la sua casa madre, Alphabet, hanno le mani in tutto. E lo stesso vale per Facebook e Amazon. Apple, d’altra parte, è piuttosto grande, ma è rimasta per lo più nello spazio informatico. Anche se la nuova Apple Card cambierà le cose.

Leggi anche:  Facebook: la Francia sta approvando una legge contro l'incitamento all'odio

Il presidente ama dire che queste società stanno sopprimendo lui e i suoi seguaci, il che non è in realtà vero. Ma ciò non impedirà a Trump di dirlo. Quando ha parlato di Twitter, Trump ha detto che se si fosse trasformato in un liberale domani, il suo conte sarebbe stato cinque volte più grande di adesso. Che sembra un po’ strano, dal momento che il suo seguito è già allo stesso livello di quello del presidente Obama. C’è qualche pregiudizio in corso con queste aziende, ma su quali basi? Probabilmente nessuna. Queste aziende sostengono anche i democratici in modo piuttosto pesante, infatti la stessa California è uno stato fortemente democratico, quindi vedere queste grandi società con sede in California che si appoggiano ai democratici non è una sorpresa.