downL’estate non aiuta a mantenere un livello qualitativo elevato delle connessioni alle varie reti telefoniche, spesso su Downdetector leggiamo di segnalazioni da parte dei consumatori di difficoltà (in genere localizzate in piccole zone) che andrebbero ad inficiare l’esperienza complessiva.

Nella nostra introduzione abbiamo parlato di Downdetector, se non lo avevate mai sentito nominare, proviamo a spiegarvi in cosa consiste e come funziona. I dati che ogni giorno il sito, raggiungibile gratuitamente da un qualsiasi dispositivo (tablet, notebook, smartphone, smart TV, pc desktop o altro), mostra agli utenti vengono raccolti sulla base di feedback inviati dai consumatori; collegandosi alla pagina dell’azienda desiderata basta infatti premere il pulsante “Ho un problema con” per segnalare un problema. Tutti questi vengono processati e, al raggiungimento di una specifica soglia minima, viene inviata la notifica di down.

Leggi anche:  Tim down: ecco come scoprire anche i disservizi di Wind, Tre e Vodafone

 

Down e disservizi causano non pochi problemi agli utenti

Colui invece che si collegherà a Downdetector per ricevere informazioni, verrà posto di fronte ad una schermata con 3 differenti sezioni: grafico temporale, cartina geografica e plugin Facebook.

La prima riguarda la visualizzazione del numero di feedback pervenuti nel corso delle ultime 24 ore, ed organizzati in un grafico suddiviso di ora in ora (se notate un picco, allora sappiate che parliamo di down). Volendo invece capire la localizzazione dello stesso, ecco arrivare in vostro aiuto la cartina geografica mostrante, con le aree cerchiate in rosso, dove il problema è più “attivo”.

In basso invece è possibile visionare il plugin Facebook con i commenti degli utenti segnalatori, inerenti comunque alle conseguenze del down riscontrato.