boeing 737 max

La nota azienda produttrice di velivoli Boeing è di nuovo nell’occhio del ciclone per via di un ulteriore problema scoperto dall’azienda durante i test di controllo per avere la certificazione FAA.

Il difetto sarebbe da ricercare in un lotto di lamelle alari difettose uscite con un problema di costruzione dalla fabbrica. Il problema è stato tempestivamente annunciato dall’azienda americana alla commissione FAA e alle compagnie aeree partner. Pare che il guasto però non riguardi soltanto il 737 Max 8 ma anche il “fratello” 737 NG 800.

Sembra essere un’epopea senza fine quella di Boeing. Dapprima l’incidente in Indonesia, dopo 6 mesi quello in Etiopia che hanno portato in totale il numero di vittime a 346. Ma i guai non sono finiti qui. Dopo che si è scoperto che il sistema MCAS anti-stallo ha causato gli incidenti, è stato rilevato anche che l’allarme di tale sistema era disattivato nella cabina di pilotaggio.

Poche settimane fa tutti i problemi però sembravano essere risolti, al punto tale da far pronunciare al CEO dell’azienda sentenze come “Il Boeing 737 Max 8 sarà l’aeromobile più sicuro mai costruito finora“. Neanche a farlo apposta però, pochi giorni dopo è emerso il guasto alle ali.

737 Max 8 e la certificazione FAA: un sodalizio che sembra non arrivare

Al momento la FAA ha dato un ultimatum a Boeing di pochi giorni per risanare i problemi legati al blocco di ali danneggiate. Si contano più di 300 modelli difettosi, tra cui ben 33 737 Max 8 e 32 737 NG 800.

Leggi anche:  Boeing: sviluppato il concept di un aereo a propulsione nucleare

Sembra che le compagnie aeree partner di Boeing che avevano preventivato il ritorno dell’aereo per Agosto di quest’anno dovranno attendere ancora un bel po’.