boeing-737-max

Dopo i due terribili incidenti in Etiopia e Indonesia che l’hanno visto coinvolto, il Boeing 737 Max è finalmente tornato sicuro. L’aeromobile, dopo mesi di ansie tra i viaggiatori sarebbe stato ampiamente analizzato dall’azienda in collaborazione con la FAA. Dovrebbe quindi essere rilasciata a breve una nuova certificazione. L’aggiornamento del sistema MCAS dovrebbe renderlo finalmente il velivolo più sicuro mai costruito.

Il “Maneuvering Characteristics Augmentation System” è stato infatti il responsabile degli incidenti degli scorsi mesi, causando la morte di 346 persone. Dopo uno studio approfondito e ingenti risorse investite , il nuovo sistema anti stallo sarebbe finalmente pronto a equipaggiare senza rischi i 737 della serie Max. La società ha inoltre garantito che le leggerezze del passate non saranno più commesse.

Boeing 737 Max: novità sull’aggiornamento, perché è diventato più sicuro

Boeing 737 Max nasce per rispondere all’aeromobile rivale di casa Airbus, l’A320Neo. Lo stesso stava riscuotendo un record di vendite grazie alla possibilità di ridurre i consumi del 15%. Boeing ha così deciso di modificare il suo precedente 737 per garantire risultati comparabili. Attraverso alcune modifiche ai propulsori infatti, l’aeromobile riesce a ridurre i consumi del 13%.

Leggi anche:  Boeing 737 MAX: ecco tutte le ultime novità sul pericoloso aereo

Il posizionamento dei propulsori più in alto rispetto al profilo alare ha però causato un alterazione della caratteristiche di volo, in alcuni casi molto pericolose. Avendo modificato il baricentro dell’aeromobile, si è visto che in condizione di massima spinta l’angolo di incidenza si avvicinava pericolosamente a quello di stallo. A questo proposito, poco prima dell’incidente in Indonesia, si è introdotto il sistema MCAS.

L’aggiornamento del sistema, prima di essere approvato dalla Federal Aviation Administration è stato sottoposto a 360 ore di test e prove in volo. Questo dovrebbe rendere il Boeing 737 Max l’aeromobile più sicuro mai costruito. Il lavoro congiunto tra le due realtà ha dato i suoi frutti, creando anche una serie di nuove procedure di sicurezza. Sono previsti infatti alcuni corsi di formazione per piloti ed equipaggio per garantire sempre una corretta gestione delle emergenze.