737-fiume-florida

Quest’anno è stato un anno carico di incidenti nel mondo dell’aviazione. Dopo i due tragici incidenti del Boeing 737 Max in Indonesia e in Etiopia, la storia si ripete. Un Boeing 737 della Miami Air International è infatti finito in un fiume adiacente l’aeroporto di Jacksonville, in Florida. L’aereo era impegnato in una missione militare, si trovava infatti di rientro da Guantanamo, Cuba.

A bordo erano presenti militari ed alcuni civili, probabilmente detenuti nel famoso carcere americano. Non sono ancora confermate le cause dell’incidente, sembrerebbe però che in questo caso la colpa sia del mal tempo. Una volta perso il controllo a causa del forte vento e delle piogge, l’aeromobile sarebbe poi finito nel St. Johns River.

Boeing 737: finisce in un fiume in Florida dopo un fuori pista

L’incidente, le cui cause come vi abbiamo anticipato sono ancora da accertare è successo il 4 maggio alle 21:43 ora locale, circa le 3:43 italiane. L’aereo sarebbe inoltre partito con circa 4 ore di ritardo dall’aeroporto Cubano. A bordo del velivolo erano presenti 143 passeggeri, fortunatamente tutti sopravvissuti al brusco atterraggio. Tuttavia 21 persone sono state accompagnate in ospedale, con ferite non gravi, poco dopo l’intervento dei soccorsi sul luogo dell’incidente.

Leggi anche:  Boeing 737 Max: una terribile novità, l'allarme dell'MCAS era disattivato

Il pilota ha tentato di raccontare quei tragici momenti. L’aereo avrebbe infatti rimbalzato sul terreno più volte ormai fuori controllo, oscillando pericolosamente a destra e a sinistra prima di finire nel fiume. Uno dei passeggeri ha inoltre rilasciato una dichiarazione alla Cnn, si tratta dell’avvocato Cheryl Bormann.

Bormann avrebbe riferito di essersi ritrovato in acqua, non riuscendo a comprendere se si trattasse di un fiume o del mare. In quelle condizioni meteorologiche avverse la visibilità era troppo bassa per capire dove fossero finiti. Fortunatamente i soccorsi sono arrivati quasi subito, portando tutti in salvo. L’aeromobile tuttavia non è affondato, come si vede anche dalle numerose foto scattate sul luogo dell’incidente.