tesla

La lunga battaglia tra il CEO di Tesla Elon Musk e la Securities and Exchange Commission ha finalmente raggiunto la fine all’inizio di questo mese, La decisione è stata presa da un giudice federale che ha ordinato alle due parti di “essere ragionevoli” e giungere ad un accordo su ciò che Musk deve fare per avere l’approvazione a pubblicare contenuti sui social media.

Già venerdì mattina, entrambe le parti hanno cercato di estendere la cronologia delle cose da fare, ma secondo un rapporto pubblicato venerdì dalla CNBC, Musk e la SEC sono venuti a patti e hanno presentato documentazione al tribunale per chiudere la questione definitivamente.

 

Il futuro però è ancora incerto

La versione rapida di ciò che dice è che Musk deve avere l’approvazione di un avvocato specializzato in titoli, che Tesla deve pagare, per dire qualcosa in forma scritta o tramite un’azione pubblicitaria volta al guadagno. Queste info devo contenere anche i numeri di produzione, consegna numeri, fusioni e acquisizioni e le nuove linee di business della società.

Leggi anche:  Tesla Model 3 in Europa vende più di Audi, Mercedes e BMW

Anche se questo sembra un po come quello che successe la prima volta quando Musk accettà il suo primo accordo con la SEC, ma vedremo più avanti lo svolgersi degli eventi. Questi formalismi servono sopratutto per evitare incomprensioni tra le due società, rendendo solo il linguaggio più chiaro e facilmente applicabile.

Ora, se questo accordo funzionerà davvero e se il CEO di Tesla riuscirà a tenere sotto controllo i suoi tweet, questo resta solo da vedere. Intanto, Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.