migliore operatore 2019

Nell’ultimo anno, in particolare dall’arrivo di Iliad nel mercato italiano della telefonia, il mercato ha risentito molto dell’impatto con la nuova società, che proponeva ad un prezzo assolutamente esiguo un piano tariffario all-inclusive e una trasparenza che, agli operatori nostrani, manca da tempo.

Però gli utenti si sono presto ritrovati a dover fare i conti con un altro aspetto molto rilevante: si ha davvero necessità di così tanto traffico dati?

Abbagliati dalla prospettiva di avere un maggior numero di GB ad un costo inferiore, molti clienti hanno scelto di fare un upgrade, da offerte che prevedevano pochi GB ad un costo di 5 euro (compreso di un certo numero di chiamate e SMS) a bundle con 40-50 GB inclusi, a soli 2-3 euro di differenza.

Sicuramente è un ottimo investimento, considerando che comunque si parla di pochi euro in più al mese per avere una disponibilità di traffico decisamente più alta della precedente. Ma a fine mese, gli utenti spesso si sono ritrovati a non aver consumato neppure un terzo di tutti quei GB disponibili, tanto che forse sarebbe stato indifferente restare con l’operatore e la tariffa precedente.

Di quanti GB abbiamo davvero bisogno?

A questo punto quindi sarebbe necessario analizzare di quanti GB si ha davvero bisogno, e per farlo nella maniera più corretta, bisogna considerare le reali esigenze del cliente, derivanti dall’utilizzo effettivo che lui fa di internet.

Riportiamo quindi dei dati raccolti dal sito SoS Tariffe, che ha paragonato ogni pool di GB all’utilizzo che se ne potrebbe fare.

Se si adopera poco internet, e lo si usa solo per le interazioni essenziali, ci si può orientare verso un bundle light da 4 GB al mese. Avere a disposizione questa quantità di traffico corrisponde a:

  • 180 ore di navigazione web;
  • 20 video in streaming;
  • 60 file MP3 da ascoltare;
  • 60 foto e 250 documenti in download;
  • download di 1 film;
  • invio di 2500 e-mail.
Leggi anche:  Amazon: sconti ed offerte validi solo il 12 maggio

Se ci si orienta verso un uso un po’ più frequente, ma che comunque si ferma al consultare le piattaforme di base nella vita quotidiana, si può optare per un bundle da 8 GB mensili, che corrispondono a:

  • 300 ore di navigazione web;
  • 25 video in streaming;
  • 100 canzoni in MP3;
  • 150 foto e 500 documenti scaricati;
  • il download di 4 film;
  • l’invio 5000 e-mail.

Per un utilizzo più massiccio, definito dal termine intenso, sarebbe meglio ampliare la quantità ad almeno 13 GB, che equivalgono al mese a:

  • 540 ore di navigazione web;
  • 40 video streaming;
  • 120 tracce musicali;
  • 250 foto e 800 documenti scaricati;
  • il download di 6 film;
  • invio di 8.000 e-mail

Infine, se si ha necessità di avere molta disponibilità di traffico per esigenze lavorative, perché si trascorre molto tempo fuori di casa o perché si utilizzano app che consumano un maggior numero di dati, il consiglio è di preferire un piano che includa almeno 25 GB mensili, corrispondenti a:

  • 720 ore di navigazione web;
  • 100 video e 150 MP3 in streaming;
  • 400 foto e 1.000 documenti in download;
  • il download di 15 film;
  • l’invio di 10.000 e-mail.

E voi, in che profilo vi rispecchiate maggiormente?