Boeing

E’ avvenuto un secondo incidente mortale che ha coinvolto un Boeing 737 Max pochi mesi fa, e la notizia ha fatto scalpore in tutto il mondo. Di conseguenza, molti paesi hanno deciso di rivedere alcuni aspetti della manutenzione, dopo essere stati messi sotto pressione, e tra questi ci sono gli Stati Uniti.

Ecco cosa è successo: domenica 10 marzo, il volo 302 di Ethiopian Airlines da Addis Abeba, in Etiopia, a Nairobi, Kenya, ha perso il controllo e si è schiantato subito dopo il decollo, uccidendo tutte le 157 persone a bordo. L’incidente è stato ovviamente devastante. Ma a renderlo ancora più inquietante è che è accaduto solo pochi mesi dopo che un volo Lion Air in partenza da Jakarta, in Indonesia, si è schiantato a ottobre, uccidendo tutti i 189 passeggeri.

Il Boeing 737 Max è il colpevole

Il secondo incidente durante il fine settimana ha causato shock in tutto il mondo, non solo perché le vittime provenivano da 35 paesi differenti, ma anche perché questi jet vengono utilizzati a livello globale. Secondo la Federal Aviation Administration, ci sono un totale di 387 modelli Boeing 737 Max operativi, di cui 74 negli Stati Uniti.

Il secondo incidente mortale di un jet 737 Max 8 in meno di sei mesi ha sollevato dubbi sul fatto se tali aerei siano ancora in sicurezza. L’Unione Europea ha sospeso tutte le operazioni di volo programmate per il Boeing Model 737 Max 8 e 737 Max 9 in Europa, e mercoledì, Canada e Stati Uniti hanno seguito l’esempio.

Gli Stati Uniti sono stati particolarmente lenti nell’agire. Secondo NPR, tre compagnie aeree utilizzano i 737. La FAA ha inizialmente confermato che tutte le “normali operazioni di volo programmate saranno rispettate” . Ma mercoledì il presidente Trump ha emesso un ordine di emergenza per richiamare gli aerei, che secondo la FAA sarebbero rimasti “in attesa di ulteriori esami, comprese  le informazioni dai registratori dei dati di volo e i registratori vocali della cabina di pilotaggio.”

Due incidenti in meno di sei mesi

Domenica, tutte le 157 persone sul volo Ethiopian Airlines sono state uccise dopo che l’aereo ha perso i contatti con la torre di controllo e si è schiantato pochi minuti dopo il decollo. I passeggeri dell’aereo provenivano da oltre 30 paesi e le Nazioni Unite hanno confermato che almeno 22 membri del personale sono morti nell’incidente.

Leggi anche:  Boeing 737 Max: tornato a volare, i problemi sono quasi stati risolti

Gli incidenti hanno stimolato molte domande che hanno bisogno di risposta.  Secondo CNBC, lo schianto di ottobre ha sollevato dubbi sul sistema di manovra dell’aereo. A novembre, la Boeing ha emesso un bollettino sulla sicurezza per i piloti che spiega come gestirlo al meglio il malfunzionamento, ma non è chiaro se sia stato sufficiente.

Lunedì, Boeing ha rilasciato una dichiarazione sul suo lavoro sviluppando un “miglioramento del software di controllo del volo” per il 737 Max e ha detto che prevede di implementare il cambiamento entro aprile. Lunedì la FAA ha anche annunciato che imporrà ulteriori miglioramenti alla progettazione del sistema automatizzato e della segnalazione di Boeing entro aprile.

L’amministrazione cinese dell’aviazione civile, ad esempio, ha annunciato lunedì un divieto temporaneo per gli aerei, e l’Indonesia ha seguito l’esempio poco dopo. Come previsto da Del Valle, è un grosso problema, perché la Cina e l’Indonesia sono due dei maggiori clienti di Boeing.

Altri hanno seguito l’esempio

In una dichiarazione di mercoledì, Boeing ha sostenuto la decisione della FAA, ma ha mantenuto la sicurezza dei suoi aerei. Il CEO di Boeing Dennis Muilenburg ha dichiarato che la decisione è stata presa “con cautela” e che l’azienda sta facendo “tutto il possibile per comprendere la causa degli incidenti in collaborazione con gli investigatori, implementare miglioramenti della sicurezza e contribuire a garantire che ciò non accada ancora.

Il Dallas Morning News ha inoltre riferito martedì che i piloti hanno portato diverse lamentele per quanto riguarda la sicurezza del Boeing 737 Max 8 alle autorità federali, con un capitano che ha detto a novembre che era “inconcepibile” che i piloti volassero sull’aereo senza addestramento o informazioni esplicite su come funzionavano i suoi sistemi.

Il presidente Trump sembra desideroso di appoggiarsi a quella spiegazione. Ha sparato un paio di tweet martedì lamentandosi che gli aerei sono “troppo complessi da pilotare“.