wall street journal

L‘8 marzo, il Wall Street Journal ha pubblicato un rapporto scioccante sulla piattaforma Caregiver Care.com. Il rapporto riguardava gli utenti che dovevano valutare gli assistenti sanitari, molti non svolgevano accertamenti completi o non esaminavano i centri di asilo elencati. In alcuni casi, i fornitori erano privi di licenza e addirittura erano responsabili della morte dei bambini a loro affidati. In un rapporto pubblicato oggi, il WSJ afferma che la società ha rimosso “decine di migliaia di elenchi di centri di assistenza diurni non verificati” prima della pubblicazione.

Il rapporto originale ha rilevato che ci sono stati “circa 9 casi” negli ultimi sei anni in cui sono stati assunte persone con precedenti penali, ed è capitato che poi alcune di queste persone hanno commesso un crimine contro qualcuno di cui si prendevano cura.

 

Come si è evoluto il caso

Il Journal è stato anche in grado di determinare che “centinaia” di centri di assistenza all’infanzia elencati non avevano la licenza di stato adeguata, anche se erano elencati come tali sul sito. Ha sollevato domande sulle procedure che l’azienda aveva in atto per garantire che i centri e i fornitori che elencava fossero sicuri per i membri da utilizzare. Il CEO di Care.com, Shelia Lirio Marcelo, ha dichiarato inoltre al Journal che episodi come questo erano “rari“. In seguito alle domande della pubblicazione, il sito ha iniziato a emettere avvisi importanti ai membri e ha informato alcuni membri della chiusura dell’account.

Il Journal afferma che il sito “ha rimosso circa il 72% dei centri diurni, o circa 46.594 aziende, elencati sul sito”, alcuni dei quali elencati solo pochi giorni prima della pubblicazione del report. Ha rimosso inoltre il 45% degli asili nido e ha citato un diverso set di metriche rispetto a quello dell’analisi del WSJ. Care.com non ha fornito al Journal numeri specifici e non ha risposto a una richiesta di commento da The Verge.

In seguito alla pubblicazione del rapporto originale, Care.com ha iniziato a implementare nuove politiche, dicendo che avrebbe iniziato a condurre un processo di “screening preliminare” prima che le persone potessero candidarsi per i lavori elencati e che avrebbe rimosso le inserzioni commerciali che aveva generato.