IPTV: gli utenti TIM, Wind e Vodafone sono nei guai, servzio chiuso definitivamente

Il desiderio degli utenti al giorno d’oggi è avere un abbonamento Pay TV che non costi troppo e che offre il giusto necessario. Ovviamente non deve mancare il calcio, e l’IPTV sembra essere il compromesso migliore anche contando la vasta scelta in termini di cinema.

Peccato purtroppo per molti che si tratti di una scelta illegale, e questo non è passato ovviamente inosservato ai grandi licenziatari. Prendendo infatti in esame quanto fatto da Sky, è risaputo che l’IPTV non è per nulla vista bene. Infatti i flussi video trasmessi dal servizio pirata vengono rubati al noto broadcaster inglese ma non solo. Anche DAZN, Mediaset Premium e Netflix vengono saccheggiate giornalmente. (Per le migliori offerte sui decoder Android da parte di Amazon, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare).

Leggi anche:  IPTV: incredibile, è tutto di nuovo disponibile e WhatsApp ha un grande ruolo

 

IPTV: da quando è stato chiuso il noto sito tutti gli utenti sono in difficoltà, ma esiste una soluzione

Dare spazio alla pirateria è certamente l’ultima delle intenzioni dei grandi broadcaster che dominano il panorama Pay TV. Per questo sono stati tanti gli esposti presentati al tribunale di Milano che ha preso pertanto alcune decisioni davvero importanti.

Una di queste ha portato al blocco imposto agli operatori in merito al noto portale No Freeze IPTV. Questo infatti risulta inaccessibile a tutti coloro che in casa hanno TIM, Tiscali, Vodafone, Wind e Fastweb. In molti avrebbero trovato però già la soluzione perfetta, ovvero la creazione di una rete VPN. Per superare il problema sarà necessario utilizzare una VPN.